Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6888 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Eleonora Malerba Med Vet PhD

Eleonora Malerba Med Vet PhD

Venerdì, 05 Giugno 2020 08:57

Tenoscopia con artroscopio ad ago

tenoscopyL’obiettivo di questo studio sperimentale era quello di indagare l'uso di un artroscopio ad ago per la tenoscopia diagnostica della guaina carpale nei cavalli in stazione.

Una parte dello studio è stata condotta ex vivo, su sei arti anteriori di cadaveri, e una in vivo, su sei cavalli. I sei arti sono stati impiegati per eseguire la tenoscopia della guaina carpale con un artroscopio ad ago da 1,2 mm di diametro (65 e 100 mm di lunghezza) e, successivamente, con un artroscopio standard da 4 mm attraverso un approccio prossimale laterale. La parte dello studio in vivo consisteva nell’esecuzione di una tenoscopia unilaterale della guaina carpale in sei cavalli sani sedati in stazione mediante un artroscopio ad ago della lunghezza di 65 mm. Gli arti sono stati mantenuti in flessione durante la procedura. Sono stati registrati il grado di valutazione tenoscopica, la sicurezza, la tolleranza del cavallo e le complicanze.

Giovedì, 04 Giugno 2020 19:37

Integratori di potassio a confronto

ckeipokLo scopo di questo studio retrospettivo era quello di indagare l’efficacia di tre integratori orali di potassio su ipopotassiemia e concentrazione sierica di bicarbonati nei gatti con malattia renale cronica (CKD, chronic kidney disease).

Sono state prese in esame le cartelle cliniche dei soggetti cui era stato prescritto uno integratore orale di potassio tra: compresse di gluconato di potassio (GKcpr), granuli di gluconato di potassio (GKgran) e granuli di citrato di potassio (CKgran). I parametri ematologici al momento della diagnosi di ipopotassiemia erano sottoposti a successivo monitoraggio entro 1-6 settimane. La risposta al trattamento è stata definita in tre modi: qualsiasi aumento di potassio, normalizzazione del potassio (valore all’interno dell’intervallo di riferimento) e una concentrazione che superava i 4 mEq/l.

Giovedì, 04 Giugno 2020 19:31

Torsione splenica primaria

splenic torsionLa torsione splenica è una condizione rara ma potenzialmente pericolosa per la vita, caratterizzata dalla rotazione della milza attorno ai legamenti gastrosplenici e frenosplenici e che porta all'occlusione del drenaggio venoso e ad un ostacolato apporto arterioso.

Questo studio retrospettivo descrive le caratteristiche tomografiche in 8 cani con torsione splenica confermata chirurgicamente.

ultracolonLe caratteristiche ecografiche della vascolarizzazione mesenterica del grosso colon (GC) in corso di paratopie (cambiamenti di posizione) e di volvolo sono state descritte per come appaiono dal fianco destro. Tuttavia, il GC possiede una notevole libertà di movimento all'interno della cavità addominale e il suo mesentere può potenzialmente entrare in contatto con entrambi i lati della parete addominale.

L'obiettivo di questo studio era quello di indagare la visibilità della vascolarizzazione mesenterica del GC con ecografia transaddominale nei cavalli con colica del GC e di determinarne il ruolo diagnostico.

Giovedì, 04 Giugno 2020 19:19

Diabete mellito felino

Cat ObesityL’obiettivo di questo studio era quello di esplorare il punto di vista del proprietario di un gatto diabetico. In particolare, la finalità era quella di indagare quali siano le percezioni e le priorità dei proprietari relativamente al trattamento e il monitoraggio del loro gatto diabetico, come giudichino la qualità della comunicazione con il veterinario in merito alla gestione del diabete mellito (DM) e l'impatto che la malattia ha sulla quotidianità dei proprietari e sul legame uomo-animale.

Questa indagine si è basata sulla compilazione di un questionario iniziale, al quale ha fatto seguito un secondo questionario adattato.

heartaceiL'efficacia degli inibitori dell’enzima di conversione dell'angiotensina (ACEi, angiotensin-converting enzyme inhibitor) nel determinare il blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS, renin-angiotensin-aldosterone system) nei cani con malattia degenerativa mixomatosa della valvola mitrale (MMVD, myxomatous mitral valve disease) in stadio preclinico è controversa.

L’ipotesi degli autori di questo studio è che la somministrazione di spironolattone (2-4 mg ogni 24 ore) e benazepril (0,25-0,5 mg ogni 24 ore) nei cani con MMVD preclinica ritardi lo sviluppo di insufficienza cardiaca (HF, heart failure) e la morte correlata a cause cardiache. La prova di questo ritardo potrebbe essere testimoniata dai rilievi ecocardiografici e dalle concentrazione dei biomarker cardiaci, ossia il frammento amminoterminale del pro peptide natriuretico di tipo B (NT-proBNP) e la troponina cardiaca I (cTnI).

Giovedì, 04 Giugno 2020 18:12

Somatotropina bovina nelle vacche da latte

precowL’obiettivo di questo studio era quello di valutare gli effetti di 1 o 2 somministrazioni di basse dosi di somatotropina ricombinante bovina (bST, bovine somatotropin) a lento rilascio sulle concentrazioni ormonali, sullo sviluppo del conceptus e sulla fertilità nelle vacche da latte.

Al momento dell’estro o a 50 giorni dal parto, 1483 vacche sono state inseminate (Giorno 0) e divise in maniera randomizzata in 3 gruppi: il gruppo di controllo che ha ricevuto una singola iniezione di placebo al giorno 0 (giorno dell'inseminazione); il gruppo 1-bST che ha ricevuto una singola iniezione con 325 mg di bST al giorno 0; il gruppo 2-bST che ha ricevuto due iniezioni con 325 mg di bST ai giorni 0 e 14. Da un sottogruppo di vacche, campioni di sangue sono stati raccolti 2 volte alla settimana dal giorno 0 al giorno 42. La diagnosi di gravidanza è stata effettuata ai giorni 31 e 66 e la morfometria ultrasonografica del conceptus è stata eseguita ai giorni 34 e 48 in un sottogruppo di vacche.

Giovedì, 04 Giugno 2020 18:01

Lussazione sacroiliaca nel gatto

luxsacroilL’obiettivo di questo studio era quello di definire l’outcome funzionale a medio-lungo termine nei gatti con lussazione sacroiliaca (SILF, sacroiliac luxation fracture) gestita in modo conservativo.

Sono stati inclusi gatti con SILF gestita in modo conservativo e senza altre fratture concomitanti, di cui fossero disponibili studi radiografici. Ad una distanza di almeno 6 mesi dal trauma, i proprietari erano stati invitati a compilare un questionario finalizzato ad indagare la capacità del gatto di svolgere le normali attività, i tempi di guarigione, eventuali cambiamenti comportamentali e la necessità di analgesia a lungo termine.

Giovedì, 04 Giugno 2020 17:50

Anafilassi nel cane

anafilassiGli obiettivi di questo studio erano quello di definire il tasso di mortalità in cani con grave shock anafilattico e quello di identificare potenziali fattori prognostici.

A questo scopo, sono state revisionate le cartelle cliniche di 67 cani con anafilassi grave al fine di estrapolare le informazioni relative al segnalamento, rilievi clinici, tempo intercorso dall’esordio dei sintomi al ricovero, risultati degli esami di laboratorio (esame emocromocitometrico, biochimico e coagulativo) e dell’ecografia addominale. Infine, sono stati valutati i trattamenti somministrati durante le prime 6 ore di ricovero, in particolare l'uso di epinefrina, difenidramina, corticosteroidi, antimicrobici, plasma fresco congelato e supplementazione di glucosio. I cani sono stati classificati in “sopravvissuti e “non-sopravvissuti”.

artrocentLe patologie dell’articolazione temporo-mandibolare (TMJ, temporomandibular joint) sono sempre più riconosciute come un problema che compromette il benessere e le prestazioni dei cavalli. La diagnosi è resa difficile dall’aspecificità dei segni clinici, che sono comuni ad altre patologie come quelle della cavità orale, del “poll” (sporgenza occipitale) e delle vertebre cervicali.

L'artrocentesi finalizzata all'analgesia intra-articolare, al campionamento del liquido sinoviale e alla somministrazione di farmaci è una procedura che offre sia scopi diagnostici che terapeutici. Ad oggi, sono state descritte le caratteristiche ecografiche della TMJ in condizioni di normalità e una tecnica di artrocentesi alla cieca, ma non è stato descritto un approccio ecoguidato. Quest’ultimo potrebbe rappresentare un vantaggio nella visualizzazione dell’articolazione in quelle condizioni in cui la patologia, le alterazioni anatomiche o l’inesperienza del clinico rendano la procedura difficoltosa.

Pagina 3 di 50

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.