Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7663 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Eleonora Malerba Med Vet PhD

Eleonora Malerba Med Vet PhD

heartaceiL'efficacia degli inibitori dell’enzima di conversione dell'angiotensina (ACEi, angiotensin-converting enzyme inhibitor) nel determinare il blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS, renin-angiotensin-aldosterone system) nei cani con malattia degenerativa mixomatosa della valvola mitrale (MMVD, myxomatous mitral valve disease) in stadio preclinico è controversa.

L’ipotesi degli autori di questo studio è che la somministrazione di spironolattone (2-4 mg ogni 24 ore) e benazepril (0,25-0,5 mg ogni 24 ore) nei cani con MMVD preclinica ritardi lo sviluppo di insufficienza cardiaca (HF, heart failure) e la morte correlata a cause cardiache. La prova di questo ritardo potrebbe essere testimoniata dai rilievi ecocardiografici e dalle concentrazione dei biomarker cardiaci, ossia il frammento amminoterminale del pro peptide natriuretico di tipo B (NT-proBNP) e la troponina cardiaca I (cTnI).

Giovedì, 04 Giugno 2020 18:12

Somatotropina bovina nelle vacche da latte

precowL’obiettivo di questo studio era quello di valutare gli effetti di 1 o 2 somministrazioni di basse dosi di somatotropina ricombinante bovina (bST, bovine somatotropin) a lento rilascio sulle concentrazioni ormonali, sullo sviluppo del conceptus e sulla fertilità nelle vacche da latte.

Al momento dell’estro o a 50 giorni dal parto, 1483 vacche sono state inseminate (Giorno 0) e divise in maniera randomizzata in 3 gruppi: il gruppo di controllo che ha ricevuto una singola iniezione di placebo al giorno 0 (giorno dell'inseminazione); il gruppo 1-bST che ha ricevuto una singola iniezione con 325 mg di bST al giorno 0; il gruppo 2-bST che ha ricevuto due iniezioni con 325 mg di bST ai giorni 0 e 14. Da un sottogruppo di vacche, campioni di sangue sono stati raccolti 2 volte alla settimana dal giorno 0 al giorno 42. La diagnosi di gravidanza è stata effettuata ai giorni 31 e 66 e la morfometria ultrasonografica del conceptus è stata eseguita ai giorni 34 e 48 in un sottogruppo di vacche.

Giovedì, 04 Giugno 2020 18:01

Lussazione sacroiliaca nel gatto

luxsacroilL’obiettivo di questo studio era quello di definire l’outcome funzionale a medio-lungo termine nei gatti con lussazione sacroiliaca (SILF, sacroiliac luxation fracture) gestita in modo conservativo.

Sono stati inclusi gatti con SILF gestita in modo conservativo e senza altre fratture concomitanti, di cui fossero disponibili studi radiografici. Ad una distanza di almeno 6 mesi dal trauma, i proprietari erano stati invitati a compilare un questionario finalizzato ad indagare la capacità del gatto di svolgere le normali attività, i tempi di guarigione, eventuali cambiamenti comportamentali e la necessità di analgesia a lungo termine.

Giovedì, 04 Giugno 2020 17:50

Anafilassi nel cane

anafilassiGli obiettivi di questo studio erano quello di definire il tasso di mortalità in cani con grave shock anafilattico e quello di identificare potenziali fattori prognostici.

A questo scopo, sono state revisionate le cartelle cliniche di 67 cani con anafilassi grave al fine di estrapolare le informazioni relative al segnalamento, rilievi clinici, tempo intercorso dall’esordio dei sintomi al ricovero, risultati degli esami di laboratorio (esame emocromocitometrico, biochimico e coagulativo) e dell’ecografia addominale. Infine, sono stati valutati i trattamenti somministrati durante le prime 6 ore di ricovero, in particolare l'uso di epinefrina, difenidramina, corticosteroidi, antimicrobici, plasma fresco congelato e supplementazione di glucosio. I cani sono stati classificati in “sopravvissuti e “non-sopravvissuti”.

artrocentLe patologie dell’articolazione temporo-mandibolare (TMJ, temporomandibular joint) sono sempre più riconosciute come un problema che compromette il benessere e le prestazioni dei cavalli. La diagnosi è resa difficile dall’aspecificità dei segni clinici, che sono comuni ad altre patologie come quelle della cavità orale, del “poll” (sporgenza occipitale) e delle vertebre cervicali.

L'artrocentesi finalizzata all'analgesia intra-articolare, al campionamento del liquido sinoviale e alla somministrazione di farmaci è una procedura che offre sia scopi diagnostici che terapeutici. Ad oggi, sono state descritte le caratteristiche ecografiche della TMJ in condizioni di normalità e una tecnica di artrocentesi alla cieca, ma non è stato descritto un approccio ecoguidato. Quest’ultimo potrebbe rappresentare un vantaggio nella visualizzazione dell’articolazione in quelle condizioni in cui la patologia, le alterazioni anatomiche o l’inesperienza del clinico rendano la procedura difficoltosa.

litioLa determinazione delle proteine totali (TP, total protein) nel liquido sinoviale (SF, synovial fluid) mediante tecnica rifrattometrica è comunemente usata per la diagnosi e il monitoraggio delle sinoviti nel cavallo. Tuttavia, precedenti studi hanno dimostrato che concentrazioni elevate di alcuni anticoagulanti possono sovrastimare la determinazione rifrattometrica delle TP.

L’obiettivo di questo studio osservazionale trasversale era quello di indagare l'effetto di diverse concentrazioni di EDTA dipotassico (K2EDTA) e di litio eparina (LH, lithium heparin) sulla determinazione delle TP su campioni di SF equino usando un rifrattometro portatile.

Mappa Completa LEISHMANIA2020 1La leishmaniosi canina è una malattia infettiva molto pericolosa per la salute dei cani che riguarda ormai tutte le aree del nostro paese, anche quelle che in passato erano considerate indenni.
Un recente studio epidemiologico condotto tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 denominato “Leishmania 2020”, svolto dall’Istituto Superiore di Sanità, dal Dipartimento di Medicina Veterinaria di Napoli e supportato da Bayer, ha confermato la presenza di focolai autoctoni anche in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. In tutte le regioni investigate si è evidenziata una diffusione sempre maggiore dei flebotomi o pappataci, i vettori della patologia.

Il periodo in cui i cani sono più a rischio di leishmaniosi è tra aprile e ottobre. Ad oggi non esiste una cura vera e propria. I farmaci a disposizione sono soltanto in grado di rallentare il decorso della malattia, non di eliminare l’infezione. Nel contrastare la patologia ricopre dunque un ruolo centrale la prevenzione. Per questo motivo l’importanza della protezione del cane utilizzando prodotti antiparassitari che non solo impediscano ai pappataci di pungere l’animale, ma anche dalla riconosciuta attività nel ridurre il rischio di trasmissione della leishmaniosi. Lo studio “Leishmania 2020” rappresenta un passo in avanti sul fronte del contrasto alla malattia, ed un supporto importante in primo luogo per i medici veterinari, gli specialisti che in primis possono indirizzare i proprietari di cani.

Martedì, 26 Maggio 2020 22:03

Una nuova specie di emoplasmi nel suino

hemonewIn un’allevamento da ingrasso sito nella Germania meridionale sono state osservate alterazioni cutanee (orticaria, diatesi emorragica) e febbre alta nel 30% dei suini 2 settimane dopo il loro arrivo nella struttura. I suini affetti avevano accusato un grave calo dell'assunzione di cibo.

Al fine di individuare la causa responsabile, sono stati raccolti campioni di sangue per indagini ematologiche, sierologiche e PCR; inoltre, su un soggetto sono state condotte indagini anatomopatologiche.

Martedì, 12 Maggio 2020 12:58

Prove di compatibilità nel gatto

agglutestGli obiettivi di questo studio prospettico osservazionale erano: (1) valutare la frequenza dell'incompatibilità, usando due metodi di crossmatching (agglutinazione su vetrino e un test commerciale), in gatti riceventi, (2) misurare l'influenza dell'incompatibilità sulla variazione del packed cell volume (PCV) post-trasfusionale (12 ore dopo la fine della trasfusione), (3) valutare la frequenza delle reazioni trasfusionali acute ed errori nelle trasfusioni di sangue e (4) valutare l'impatto dell'incompatibilità sulla probabilità di sviluppare reazioni trasfusionali.

Sono stati inclusi 101 gatti. Usando l’agglutinazione sul vetrino, l'incompatibilità era una evenienza comune (27% maior e 10% minor), mentre utilizzando il test commerciale l’incompatibilità era meno frequente (4% sia maior che minor). L'incompatibilità, indipendentemente dal metodo con cui era riscontrata, non era associata a trasfusioni meno efficaci in termini di variazione del PCV. Reazioni trasfusionali si sono verificate in 20 gatti; in 9 si era trattato di reazioni febbrili non associate ad emolisi, 7 soggetti avevano sviluppato un processo emolitico. Il test commerciale sembrava essere il più specifico nel prevedere le reazioni trasfusionali emolitiche.

Lunedì, 11 Maggio 2020 17:28

Patologie immunomediate nel cane

pg hdr imtpLe recidive di anemia emolitica immuno-mediata (IMHA, immune‐mediated hemolytic anemia), di trombocitopenia immuno-mediata (ITP, immune-mediated thrombocytopenia) o di poliartrite immuno-mediata (IMPA, immune-mediated polyarthropathy) si possono verificare nonostante i parametri ematologici e citologici siano rientrati. La timidina chinasi 1 (TK1), la proteina C-reattiva canina (c-CRP), l'aptoglobina (HPT) e la 25-idrossivitamina-D (25-OH-D) potrebbero essere aggiunte alle attuali strategie di monitoraggio.

L’obiettivo di questo studio prospettico descrittivo condotto su 38 cani era quello di confrontare le concentrazioni sieriche di TK1, c-CRP, HPT e 25-OH-D tra cani con IMHA, ITP e IMPA ben controllate e cani in cui il grado di controllo di tali patologie era scarso.

Pagina 5 di 52

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares