Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6605 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Eleonora Malerba Med Vet PhD

Eleonora Malerba Med Vet PhD

Lunedì, 03 Settembre 2018 10:24

Contatto con processionarie nel gatto

processionarieUno studio ha descritto le manifestazioni cliniche conseguenti al contatto con la processionaria del pino in 11 gatti.

Il contatto con le processionarie, in questa specie, ha una prevalenza dello 0,13%. In 10 gatti su 11 (91%) erano presenti sia lesioni alla lingua che ptialismo. L’unico sintomo sistemico riportato era il vomito, presente in 4 gatti su 11 (36%). Il tasso di sopravvivenza era del 100%. Nessuno dei 7 gatti di cui erano noti i follow-up a lungo termine mostrava una qualità della vita compromessa o conseguenze permanenti.

Lunedì, 03 Settembre 2018 10:16

Malattie cerebrovascolari nel gatto

MRI catLe malattie cerebrovascolari (cerebrovascular accidents, CVAs) sono patologie rare nel gatto. Ad oggi, le caratteristiche cliniche, tra cui la localizzazione della lesione e i risultati della risonanza magnetica, sono state riportate solo in due gatti.

Lo scopo di questo studio è quello di documentare i risultati della risonanza magnetica in gatti con CVA.

ahernperincL'ernia perineale consiste in uno sfiancamento dei muscoli che costituiscono il diaframma pelvico, deputati a sostenere la parete del retto, con conseguente ernia dei visceri pelvici e, occasionalmente, di quelli addominali nel sottocute della regione perineale. Le cause ipotizzate sono: tenesmo associato a malattia prostatica cronica o costipazione, miopatia, anomalie del retto e squilibri ormonali gonadici.

La presentazione più comune di ernia perineale nei cani è un gonfiore unilaterale o bilaterale del perineo. I segni clinici, a volte assenti, possono includere costipazione, stitichezza, dischezia, tenesmo, prolasso rettale, stranguria o anuria.

keeshonda sNei cani, l'alopecia si associa secondariamente ad una varietà di condizioni, sia infiammatorie che non. L’alopecia X è una alopecia non infiammatoria, frustrante da diagnosticare e trattare a causa della mancata comprensione della sua patogenesi. Sono state descritte diverse terapie per il suo trattamento, le quali hanno spesso mostrato una efficacia incostante in cani di diversa razza e sesso; una terapia definitiva non è ancora stata stabilita.

In questo studio è stato descritto l’uso dell’impianto di deslorelina in due cani maschi interi, adulti, di razza Keeshonden, con diagnosi di alopecia X.
I 2 cani avevano sviluppato una alopecia progressiva del tronco (la testa e la parte distale degli arti non erano coinvolte) da almeno 2 anni. La diagnosi di arresto del ciclo del pelo era stata effettuata sulla base di caratteristiche cliniche, istologia della cute e assenza di anomalie sistemiche.

geriatric catUno studio crossover randomizzato in cieco con placebo ha valutato gli effetti del gabapentin sui livelli di attività e la qualità della vita (quality of life, QOL) dei gatti geriatrici con osteoartrosi, e ha indagato la percezione del proprietario relativa ai cambiamenti della mobilità del suo animale in corso di trattamento.

Venti gatti con osteoartrosi, di età superiore ai 10 anni, hanno ricevuto gabapentin (10 mg/kg) o il trattamento con placebo per bocca, ogni 12 ore per 2 settimane, seguito dal trattamento alternativo (senza periodo di washout). Il grado di attività è stato valutato con un accelerometro montato sul collare. Settimanalmente il proprietario compilava un questionario per esprimere una valutazione su 3 attività in cui il suo animale aveva una mobilità ridotta. La QOL (peggiorata, invariata o migliorata) è stata valutata alla fine di ciascun trattamento e, complessivamente, alla fine dello studio.

trauma toracicoUno studio retrospettivo su 23 gatti sottoposti ad intervento chirurgico per trauma toracico ha determinato quali fossero le lesioni più comunemente riscontrate, le complicazioni associate alla chirurgia e i fattori associati alla mortalità; infine ha valutato l'efficacia del sistema di punteggio del triage traumatologico degli animali (animal trauma triage, ATT) nel predire l’outcome.

In 8 gatti (35%) il trauma toracico era dovuto all’aggressione da parte di un cane, in 6 (26%) ad un incidente automobilistico, in 2 (9%) all’aggressione da parte di un altro animale, in 2 (9%) ad un trauma da caduta o impalamento, in 1 (4%) ad un proiettile penetrante e in 4 (17%) ad una causa sconosciuta. La chirurgia intratoracica è stata necessaria in 15 dei 23 gatti (65%). Il tasso complessivo di mortalità perioperatoria era del 13% (3/23). I punteggi medi dell’ATT (± DS) per i gatti sopravvissuti e non sopravvissuti erano rispettivamente 6,4 (± 2,2) e 10,0 (± 1,7). Diciannove gatti su 20 che non avevano subito un arresto cardiopolmonare sono sopravvissuti alla dimissione, mentre solo 1 gatto su 3 che avevano subito un arresto cardiopolmonare è sopravvissuto.

ovaio bovinaIl trattamento della malattia cistica dell’ovaio (Cystic Ovarian Disease, COD) nelle vacche da latte è ancora controverso e alcuni ricercatori raccomandano l'uso dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH, gonadotropin-releasing hormone) indipendentemente dalla natura delle cisti.

Uno studio si è posto l’obiettivo di confrontare le performance riproduttive di vacche da latte con cisti follicolari o luteiniche dopo trattamento con buserelina acetato (un agonista del GnRH) o con dinoprost (una PGF2α).

dog shelterUno studio ha valutato l’influenza esercitata dalla separazione a lungo termine dei cani dai loro proprietari, in un ambiente nuovo, sul verificarsi di stress psicogeno e ossidativo.

I cani del gruppo I (n = 9) sono stati portati nella clinica veterinaria e sono rimasti in una gabbia per 12 ore prima dell'intervento, e i cani del gruppo II (n = 9) per soli 10 minuti prima dell'intervento. Sono stati misurati i parametri fisiologici (frequenza cardiaca e frequenza respiratoria) ed è stato effettuato un prelievo di sangue 12 ore prima dell'intervento (T0) per i cani del gruppo I, e 10 minuti prima dell'intervento (T1) per entrambi i gruppi di cani.

testicoloI tumori testicolari sono le neoplasie più comuni nei cani maschi e rappresentano circa il 90% di tutti i tumori che interessano il tratto genitourinario. L'ecografia in scala di grigi, in combinazione con le tecnologie di color e power Doppler, è stata giudicata accurata per la valutazione delle lesioni scrotali e della vascolarizzazione dei testicoli. La sensibilità del color Doppler per i bassi flussi sanguigni sembra promettente per lo studio sulle patologie testicolari.

Lo scopo di questo studio, condotto su 50 cani maschi di varie razze e di età compresa tra i 7 e i 14 anni, è stato quello di valutare l’utilità del color e power Doppler per lo studio delle lesioni testicolari, descrivere le caratteristiche ecografiche delle lesioni e misurare i parametri di color e power Doppler, quali l’indice di resistenza (Resistive Index, RI), l’indice di pulsatilità (Pulsatility Index, PI), e l’indice di vascolarizzazione (Vascularity Index, VI), al fine di determinare se tali parametri possano essere utilizzati per distinguere le neoplasie testicolari dall'ampia varietà di patologie testicolari ad eziologia non-neoplastica.

pleuropolmoniteLe epidemie acute di pleuropolmonite suina, una malattia respiratoria batterica sostenuta da Actinobacillus pleuropneumoniae, sono spesso accompagnate da elevata mortalità e perdite economiche. Le forme gravi richiedono frequentemente il trattamento antibiotico parenterale.

Uno studio sperimentale ha testato l'efficacia e la sicurezza di una dose singola di 8 mg/kg di marbofloxacina per il trattamento della pleuropolmonite suina acuta dopo inoculazione sperimentale di suini con A. pleuropneumoniae sierotipo 2 tramite aerosol. I risultati sono stati confrontati con un protocollo di trattamento che prevedeva la somministrazione, per tre giorni consecutivi, di 2,5 mg/kg di enrofloxacina e con un gruppo placebo (soluzione salina). I criteri per la valutazione dell'efficacia erano la gravità delle lesioni polmonari, la neutralizzazione del batterio e il decorso della malattia clinica dopo il trattamento.

Pagina 24 di 35

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.