Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6496 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Eleonora Malerba Med Vet PhD

Eleonora Malerba Med Vet PhD

Lunedì, 04 Marzo 2019 21:17

Pulsossimetria nei cani brachicefali sani

brachiLa sindrome brachicefalica (SB) è caratterizzata da un aumento delle resistenze a carico delle vie aeree superiori a causa di anomalie conformazionali caratteristiche delle razze brachicefale.

In questo studio prospettico, sono stati valutati i valori di pulsossimetria (SpO2) e le concentrazioni dei gas nel sangue arterioso di 18 cani brachicefali (CB) sani e confrontato questi valori con quelli di 18 cani mesocefali e dolicocefali (CMD) sani.

mctI mastocitomi (MCT), nella specie canina, costituiscono quasi il 25% delle neoplasie cutanee. Il comportamento biologico di questo tumore può essere previsto sulla base delle caratteristiche istopatologiche che, però, sono soggette alla variabilità intra- e inter-osservatore. Per evitare questa variabilità, sono stati studiati diversi marker complementari. L'integrità della matrice extracellulare (MEC) può svolgere un ruolo protettivo contro la progressione tumorale e, quando compromessa, può favorire la proliferazione cellulare, l'angiogenesi, l'invasione e lo sviluppo di metastasi.

L’obiettivo di questo studio era quello di studiare il ruolo prognostico della quantificazione del collagene e delle fibre elastiche in corso di MCT.

aneL’obiettivo di questo studio prospettico di coorte era quello di indagare gli effetti di una bassa dose di dexmedetomidina (DEX) seguita da un’infusione a velocità costante (CRI, constant rate infusion) e dell’antagonismo con atipamezolo sulle attività sistolica e diastolica in 11 gatti sani sottoposti ad anestesia con isofluorano.

Dopo aver effettuato un esame ecocardiografico transtoracico (EET), a ciascun gatto sono stati somministrati 5 μg/kg di DEX per via intramuscolare (IM). Dopo 10 minuti, è stato valutato il grado di sedazione, sono stati registrati eventuali effetti avversi ed è stato effettuato un secondo EET. Circa 40 minuti dopo la somministrazione di DEX, è stata indotta l'anestesia con isoflurano e con una CRI di DEX alla dose di 1 μg/kg/h per 80 minuti. Le variabili fisiologiche sono state registrate ogni 10 minuti e l’EET è stato ripetuto 10, 30 e 60 minuti dopo l'inizio dell'anestesia. Una volta interrotta la CRI di DEX, il suo effetto è stato antagonizzato mediante la somministrazione IM di 30 μg/kg di atipamezolo e, 10 minuti dopo, è stato ripetuto un ultimo EET.

aeluroL’Aelurostrongylus abstrusus è un nematode della specie felina diffuso in tutto il mondo. I gatti infetti manifestano segni clinici molto variabili, talvolta lievi (secrezione nasale o tosse), talvolta molto gravi (serie difficoltà respiratorie).

Gli scopi di questo studio sieroepidemiologico erano quello di definire la prevalenza dell’infezione sostenuta da A. abstrusus nei gatti in Svizzera, individuare potenziali fattori di rischio e valutare la distribuzione biogeografica al fine di indagare l'influenza della temperatura e dell'altitudine sulla presenza di questo parassita.

2211L’obiettivo di questo studio clinico prospettico era quello di determinare la capacità delle concentrazioni di creatinchinasi (CK) plasmatica e peritoneale di prevedere la presenza di una lesione con strangolamento nei cavalli in colica.

L'attività della CK è stata misurata dal liquido peritoneale e dal plasma di 10 cavalli sani (gruppo di controllo) e di 61 cavalli in colica, di cui 40 con lesioni non strangolanti e 21 con lesioni strangolanti.

3 28Le diete ricche di carboidrati possono aumentare l'escrezione urinaria di cromo (Cr) e, di conseguenza, aumentarne il fabbisogno.

Questo studio aveva la finalità di valutare l'influenza esercitata dal tipo di cereale (orzo o mais) e dalla supplementazione di Cr sull'assunzione di cibo, sul comportamento alimentare e sull'aumento di peso nei vitelli da latte.

cataractLe cataratte sono tra le più comuni malattie oculari e sono una delle principali cause di perdita della vista nell'uomo e nel cane. Jack Russell Terrier (JRT) e Labrador Retriever (LR) sono tra le razze canine più colpite dalla cataratta.

Questo studio si è posto gli obiettivi di analizzare le caratteristiche cliniche e l'outcome chirurgico della cataratta in JRT e LR in un centro di referenza oftalmologico.

ownerLo scopo di questa revisione della letteratura era quello di descrivere e valutare la qualità dell’evidenza relativamente ai fattori che influenzano la compliance dei proprietari di cani e gatti relativamente alle raccomandazioni sui trattamenti farmacologici e, più nello specifico, in quelle situazioni che richiedono la somministrazione di più farmaci.

A questo scopo è stata effettuata una ricerca bibliografica (PubMed, CAB Abstracts e Google) al fine di identificare la letteratura pertinente che rispettasse criteri di inclusione ed esclusione predeterminati. Per ciascun articolo selezionato è stata effettuata l'estrazione standardizzata dei dati e una valutazione critica volta a stabilire il grado di evidenza scientifica sulla base dei requisiti stabiliti dal Center for Evidence-Based Medicine.

coicL’obiettivo di questo studio prospettico era quello di determinare le concentrazioni di sieroamiloide A (SAA, serum amyloid A) nelle coliche chirurgiche del cavallo e indagare l’associazione tra questo parametro e l’incidenza di complicazioni e infezioni post-operatorie.

A questo scopo, sono stati prelevati campioni di sangue da 51 cavalli sottoposti a celiotomia esplorativa per colica ai giorni 0, 1, 2, 4-6 e al momento della dimissione, al fine di misurare le concentrazioni di SAA e fibrinogeno e per effettuare la conta dei neutrofili.

Mercoledì, 27 Febbraio 2019 18:21

Leptospiruria persistente nella specie canina

Leptospira Biflexa AntigenPer il trattamento dei cani con leptospirosi, si raccomanda la terapia con doxiciclina in quanto questa sembrerebbe essere dotata della capacità di eliminare l'agente patogeno da tutti i tessuti, compresi i tubuli renali.
Riuscire a debellare la Leptospira dai tubuli renali interrompe la leptospiruria e impedisce la trasmissione dell'infezione.

Questo lavoro descrive 5 casi di cani con pregressa leptospirosi in cui la leptospiruria persisteva nonostante il trattamento con doxiciclina (in quattro cani) e con enrofloxacina (in un cane).

Pagina 9 di 30

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.