Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6617 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Martedì, 29 Ottobre 2019 23:12

Biopsie nasali nel gatto

nasal polipsUno studio retrospettivo ha voluto stimare la prevalenza delle patologie nasali nella specie felina utilizzando il database elettronico di un laboratorio diagnostico nel Regno Unito. Sono state inoltre valutate eventuali predisposizioni di razza, sesso o età, o la presenza di una correlazione tra il grado di brachicefalia e le diverse patologie diagnosticate.

Nel database del laboratorio diagnostico sono stati selezionati tutti i campioni bioptici appartenenti alla specie felina esaminati nell’arco di un periodo della durata di 7 anni. Di tutti i campioni prelevati dalla cavità nasale, è stata registrata la diagnosi definitiva insieme a razza, età, sesso e stato sessuale (intero vs. castrato/sterilizzato) del gatto, il coinvolgimento mono- o bilaterale e la presenza di scolo nasale. Le razze sono state ulteriormente classificate in base alla conformazione del cranio in brachicefale, mesocefale e dolicocefale.

dorsal recumNel cavallo una delle potenziali complicazioni conseguenti all'anestesia generale è la polmonite. È stato dimostrato che l'anestesia induce un aumento della conta dei neutrofili nel liquido di lavaggio broncoalveolare (BALF, bronchoalveolar lavage fluid) quando la procedura viene eseguita in decubito laterale, ma non vi sono studi che abbiano indagato cosa succeda in decubito dorsale.

L’obiettivo primario di questo studio crossover osservazionale era quello di determinare quando l'infiammazione polmonare raggiunge il suo picco e quanto tempo è richiesto mediamente affinchè la citologia del BALF ritorni ai valori basali dopo l'anestesia quando eseguita in decubito dorsale. L’obiettivo secondario era quello di indagare il possibile effetto di un nuovo farmaco, il vatinoxan, sugli esiti della citologia del BALF.

Domenica, 27 Ottobre 2019 18:51

Sindrome gastroenterica del coniglio

vet3lgL’obiettivo di questo studio retrospettivo era quello di descrivere i riscontri clinici e l’outcome a breve termine di conigli con segni di disfunzione del tratto gastrointestinale o sindrome gastroenterica del coniglio (RGIS, rabbit gastrointestinal syndrome).

Dal database elettronico di un ospedale veterinario universitario sono state selezionate le cartelle cliniche di conigli visitati per iporessia/anoressia e ridotta/assente produzione di feci. Di ogni soggetto sono state registrate le informazioni realtiva all’anamnesi di precedenti episodi di disfunzioni del tratto gastroenterico, segnalamento, risultati dell’esame fisico e dei test diagnostici e outcome.

s 14952580299 lCani con patologie immunomediate sono spesso sottoposti a terapia con glucocorticoidi e clopidogrel, ma non si conoscono gli effetti ulcerogeni dei protocolli attualmente utilizzati.

Uno studio randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, ha confrontato le alterazioni endoscopiche del tratto gastroenterico tra i cani trattati con clopidogrel, i cani trattati con prednisone e i cani che assumevano entrambi i farmaci.

GI Perferation 300x237Uno studio retrospettivo si è posto l’obiettivo di indagare se i rilievi clinici e clinico-patologici, il tempo intercorso dalla diagnosi alla chirurgia, l’uso empirico di antimicrobici e i risultati dell’esame colturale fossero associati con l’outcome nei gatti con peritonite settica (SP, septic peritonitis).

Sono stati inclusi 83 gatti con diagnosi di SP ottenuta mediante esame citologico o colturale.

Giovedì, 24 Ottobre 2019 22:20

Tiroidectomia monolaterale nel cane

tiroidal surgeryUno studio retrospettivo ha descritto le complicazioni e l’outcome in un gruppo di cani sottoposti a tiroidectomia monolaterale per la presenza di neoplasie tiroidee.

Attraverso il riesame delle cartelle elettroniche e cartacee di cani sottoposti a tiroidectomia monolaterale, sono state raccolte le informazioni relative a complicazioni perioperatorie, outcome a breve (sopravvissuti alla dimissione vs. non sopravvissuti) e a lungo termine (tempo di sopravvivenza).

Giovedì, 24 Ottobre 2019 21:58

Sindrome “headshaking” nel cavallo

shakingheadLa sindrome di headshaking è un problema comune nei cavalli. L'eziologia è sconosciuta, ma si pensa che siano implicati input sensoriali originatisi dai rami del nervo trigemino, alcuni dei quali decorrono all'interno del canale infraorbitario.

L'obiettivo di questo studio retrospettivo, cross-sectional consiste nel descrivere l'anatomia e le anomalie del canale infraorbitario, valutate tramite TC, di cavalli con processi patologici locali e di cavalli sani, e di esaminare le associazioni tra i riscontri TC e l’headshaking.
Sono state riesaminate le scansioni TC e sono state descritte le alterazioni morfologiche del canale infraorbitario. È stata valutata l’esistenza di associazioni tra la presenza di alterazioni del canale e: prevalenza di headshaking, presenza di processi patologici nella regione del canale infraorbitario, età e sesso.

letteiIl potere disidratante delle lettiere per gatti può ridurre la vitalità delle larve di primo stadio (L1) dei parassiti polmonari, rendendo più difficile la diagnosi coprologica.

L’obiettivo di questo studio consisteva nel valutare l'effetto delle lettiere più comunemente utilizzate sulla sopravvivenza delle L1 di Aelurostrongylus abstrusus.

tartles bisI disturbi gastrointestinali sono un'importante causa di morbidità nelle tartarughe della specie Terrapene carolina Carolina. In letteratura non sono presenti informazioni riguardo la normale anatomia radiografica e i tempi di transito e svuotamento del tratto gastroenterico.

In questo studio prospettico sono stati utilizzati di 15 esemplari sani. Le immagini radiografiche in tre proiezioni (proiezione dorso-ventrale con fascio verticale, latero-laterale con fascio orizzontale e rostro-caudale con fascio orizzontale) sono state acquisite prima della somministrazione del contrasto a 0, 20, 40, 60 e 90 minuti e a 2, 4, 8, 12 e 24 ore dalla somministrazione; successivamente ogni 24 ore fino alla completa eliminazione del mezzo di contrasto (15 mL/kg di solfato di bario con sonda oro-gastrica).

broncoscopy catLo scopo di questo studio retrospettivo consisteva nel riportare l'incidenza delle complicanze anestesiologiche associate alla broncoscopia nella specie felina.

Sono state revisionate le cartelle anestesiologiche e il database elettronico dei gatti sottoposti a broncoscopia in due ospedali universitari tra Gennaio 2013 e Dicembre 2015.

Pagina 2 di 34

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.