Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7700 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Giovedì, 19 Dicembre 2019 22:07

Patogeni cardiotropi nella specie canina

dog heartUno studio ha determinato la prevalenza dell’acido nucleico di patogeni cardiotropi selezionati in campioni di biopsie endomiocardiche di cani con disturbi miocardici e del ritmo inspiegati (UMRD, unexplained myocardial and rhythm disorders) e ne ha confrontato la prevalenza con un gruppo di cani di controllo affetti da cardiopatia congenita (CHD, congenital heart disease).

La biopsia endomiocardica del ventricolo destro è stata eseguita in cani con UMRD (cardiomiopatia dilatativa n= 25, blocco atrioventricolare n=6, aritmie non familiari ventricolari n=4 e sopraventricolari n=2) o CHD (n=10) che richiedevano il cateterismo ventricolare destro. Sui campioni bioptici è stato eseguito l’esame istologico e la PCR per determinare la presenza dell’acido nucleico di 12 patogeni.

Giovedì, 19 Dicembre 2019 21:54

Cachessia cardiaca nei gatti

koshka s gipertireozomLa cachessia cardiaca è comune nelle persone e nei cani con insufficienza cardiaca congestizia (CHF, congestive heart failure). Nei gatti, quali siano la prevalenza e gli effetti della cachessia cardiaca non è noto.

L’obiettivo di questo studio retrospettivo era quello di indagare la prevalenza della cachessia e le sue associazioni con i dati di laboratorio e con la sopravvivenza in 125 gatti con CHF.

FGMS SARAUn recente studio ha valutato l’accuratezza di un sistema di monitoraggio flash del glucosio (FGMS, flash glucose monitoring system) calibrato in fabbrica in cani con diabete mellito non complicato. Ad oggi non esistono informazioni riguardo l’affidabilità di questo sistema in corso di chetoacidosi diabetica (DKA, diabetic ketoacidosis).

L’obiettivo di questo studio sperimentale prospettico era quello di valutare le prestazioni del FGMS nei cani con DKA, analizzando l'interferenza eventuale che la gravità della chetosi e dell’acidosi, la concentrazione di lattato, il body condition score (BCS) e il tempo esercitano sull'accuratezza del dispositivo.

breath horse black and white istock 531332387 2400Nel cavallo, i risultati dell’esame citologico delle vie aeree, ottenuto mediante lavaggio tracheale (TW, tracheal wash) o lavaggio broncoalveolare (BAL, bronchoalveolar lavage) differiscono nei vari studi a seconda che le cellule epiteliali fossero state incluse nella conta differenziale.

Lo scopo di questo studio era di determinare se l'inclusione o l'esclusione delle cellule epiteliali influisse sull'interpretazione della citologia delle vie aeree.

Giovedì, 28 Novembre 2019 21:04

Benazepril nei gatti con patologie cardiache

Vet Examining Cat Featured ImageLe malattie cardiache sono un’importante causa di morbilità e mortalità nel gatto, ma c’è una scarsa evidenza sui benefici dei vari farmaci utilizzati.

Gli autori ipotizzano che il benazepril, inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina, potrebbe ritardare il momento del fallimento terapeutico nei gatti con malattie cardiache di varia eziologia.

Gastrostomy tube in a YorkshireQuesto studio retrospettivo ha voluto determinare la sicurezza del posizionamento chirurgico dei tubi gastrostomici per l’alimentazione nei cani con peritonite settica.

Sono stati valutati retrospettivamente 43 cani con peritonite settica sottoposti a esplorazione chirurgica nell’ambito della quale era stato posizionato il tubo gastrostomico (de Pezzer o Foley). Sono stati documentati i tempi di recupero postoperatorio, i tempi di ospedalizzazione, la frequenza di complicanze e i tempi complessivi di sopravvivenza.

Mercoledì, 27 Novembre 2019 07:55

Stima del GFR in cavalli di diverse età

horse immunovet.hu La clearance plasmatica dello ioexolo è un metodo affidabile per valutare la velocità di filtrazione glomerulare (GFR, glomerular filtration rate). Nel cavallo, non è chiara la relazione tra età e GFR.

Questo studio prospettico ha avuto come obiettivo quello di confrontare il GFR, stimato tramite clearance dello ioexolo, in cavalli di età diverse.

vincristineL’obiettivo di questo studio retrospettivo consisteva nel determinare l'effetto della somministrazione di vincristina sulla conta piastrinica, sulla morfologia piastrinica e sull'incidenza di trombocitopenia nei cani con diagnosi di linfoma.

Sono state revisionate le cartelle cliniche di 59 cani con linfoma in trattamento con vincristina solfato.

Martedì, 26 Novembre 2019 20:28

Utilità della biopsia iridea nel gatto

diffuseirisQuesto studio retrospettivo ha indagato il beneficio della biopsia iridea nei gatti con iperpigmentazione dell'iride nel differenziare la melanosi dallo stadio precoce del melanoma irideo diffuso felino (FDIM, feline diffuse iris melanoma).

Sono state revisionate le cartelle cliniche di 7 gatti con iperpigmentazione unilaterale dell'iride nei quali fossero state eseguite le biopsie iridee. Le biopsie venivano eseguite in anestesia generale (n= 7) con blocco neuromuscolare (n= 6) dopo che, nel periodo preoperatorio, i gatti avevano ricevuto la somministrazione topica di farmaci miotici (n= 5). Le biopsie venivano effettuate a livello delle aree iperpigmentate e sono stati ottenuti da 1 a 6 campioni bioptici per occhio. I campioni bioptici erano a spessore parziale (n= 4 occhi) e a tutto spessore (n= 3 occhi). Le complicazioni minori che sono state osservate erano: lieve emorragia intraoperatoria (n= 4), coaguli di fibrina (n= 2), ulcera corneale (n= 1), ipertensione oculare post-operatoria (n= 1), discoria (n= 1) e pseudopolicoria (n = 2). La prima biopsia era diagnostica in 6 gatti; in un gatto è stato necessario ripetere il prelievo bioptico. L'istopatologia era coerente con melanosi in 5 gatti e con FDIM precoce in 2 gatti. Lo screening per indagare la presenza di malattia metastatica (tomografia computerizzata toracica ed ecografia addominale) era negativo nei due gatti con una sospetta diagnosi di FDIM precoce. L'enucleazione e l'istopatologia effettuate successivamente hanno confermato la diagnosi iniziale in entrambi i casi.

Lunedì, 25 Novembre 2019 07:43

Campylobacter negli allevamenti da latte

hj608 wellie socksGli animali da allevamento, quelli domestici e la fauna selvatica possono essere tutti portatori intestinali di specie di Campylobacter termotolleranti. In quanto serbatoi, questi animali possono a loro volta contaminare l'ambiente e i prodotti alimentari, diventando così pericolosi per l’uomo.

Lo scopo di questo studio era quello di studiare le strategie di campionamento applicate per la sorveglianza del Campylobacter negli allevamenti di bovini da latte e per identificare se e quali specie di Campylobacter sono diffuse in funzione delle diverse fasce di età.

Pagina 12 di 47

vetchannel.jpg

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares