Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6644 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Mercoledì, 07 Marzo 2018 13:02

Coronavirus enterico nei cavalli adulti

coronavirusRecentemente è stato individuato un nuovo virus enterico dei cavalli adulti, il coronavirus equino (ECoV). L’infezione da ECoV è associata a febbre, letargia, anoressia e, meno frequentemente, coliche e diarrea. Questo virus enterico si trasmette attraverso la via oro-fecale e i cavalli si infettano tramite l'ingestione di cibo e acqua contaminati da materiale fecale.

A partire dal 2010, sono stati segnalati diversi focolai in Giappone, Europa e Stati Uniti. Sebbene i segni clinici siano piuttosto aspecifici, si osservano spesso linfopenia e neutropenia.

cardiomiopatiaGli obiettivi di uno studio retrospettivo condotto in Italia erano quelli di descrivere le caratteristiche epidemiologiche e di analizzare i fattori prognostici che influenzano la sopravvivenza dei gatti con cardiomiopatia restrittiva (CMR).

Sono stati inclusi nello studio 90 gatti (53 maschi e 37 femmine) con diagnosi ecocardiografica di CMR. La maggior parte erano gatti domestici a pelo corto (n=60) con un’età media ± DS di 10.0 ± 4.3 anni e un peso medio di 3.8 kg (range interquartile 3.2-5 kg). La maggior parte dei soggetti era sintomatica (n=87). Il segno clinico più comune era il distress respiratorio (n=75). Il tempo di sopravvivenza mediano (TSM), nei 60 gatti di cui era disponibile il follow-up, era di 69 giorni (intervallo di confidenza [IC] al 95% 0-175 giorni). In 50 gatti la morte è stata attribuita a cause cardiache.

Martedì, 06 Marzo 2018 17:16

Linfoma gastrointestinale nel cane

linfomaUno studio ha descritto la presentazione clinica, il trattamento e la prognosi dei cani con linfoma gastrointestinale a basso grado.

A questo scopo sono state incluse le cartelle cliniche di cani in cui la diagnosi di linfoma gastrointestinale a basso grado è stata effettuata tramite una combinazione tra istologia e immunoistochimica associata o meno all’analisi della PCR per il riarrangiamento del recettore per l’antigene.

Pagina 36 di 36

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.