Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6997 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Domenica, 26 Aprile 2020 17:08

Linfoma oculare nel gatto

linfoma oculareQuesto studio retrospettivo vuole descrivere e classificare i gatti con linfoma oculare, determinare la percentuale di casi con presunto linfoma oculare solitario (PSOL, presumed solitary ocular lymphoma) rispetto ai casi di manifestazioni oculari della forma multicentrica e stabilire l’outcome di questi pazienti.

Sono stati inclusi 172 casi identificati mediante esame istologico di campioni bioptici; 163 su 172 casi sono stati classificati secondo il sistema WHO. I casi sono stati classificati come affetti da PSOL o linfoma oculare con sospetto coinvolgimento sistemico (SSI, suspected systemic involvement) sulla base delle informazioni anamnestiche e del follow-up.

Domenica, 26 Aprile 2020 15:47

Infezioni da retrovirus felini

FIV FeLVLe infezioni da virus della leucemia felina (FeLV, feline leukemia virus) e da virus dell'immunodeficienza felina (FIV, feline immunodeficiency virus) vengono riscontrate nei gatti di tutto il mondo. Entrambe le infezioni sono associate a una varietà di segni clinici e possono influire sulla qualità e sull’aspettativa di vita dell’animale.

Questo articolo è un aggiornamento delle linee guida dell'American Association of Feline Practitioners del 2008 sulla gestione dei gatti con infezioni da retrovirus e riassume le conoscenze attuali su patogenesi, diagnosi, prevenzione e trattamento delle infezioni da retrovirus nel gatto.

puledroI protocolli di trattamento antimicrobico per i puledri con sepsi che non migliorano clinicamente, spesso si basano sui risultati dell’esame batteriologico e dei test di sensibilità antimicrobica effettuati su campioni ottenuti al momento del ricovero in ospedale.

L’obiettivo di questo studio retrospettivo consiste nel valutare se il ricovero in ospedale per ≥48 ore influisca sui risultati dei test di sensibilità batteriologica e antimicrobica.

Mercoledì, 22 Aprile 2020 15:13

Pancreatite felina: fPLI e istopatologia

pancreasPancreatite ed insufficienza pancreatica esocrina (EPI, exocrine pancreatic insufficiency) sono le malattie pancreatiche più comuni nel gatto. Metodi non invasivi, come la quantificazione sierologica dell'immunoreattività della lipasi pancreatica felina (fPLI, feline pancreatic lipase immunoreactivity), vengono spesso utilizzati nella diagnosi di pancreatite. Precedenti studi hanno confrontato le concentrazioni della fPLI con l'istopatologia, considerata il gold standard per la diagnosi di pancreatite felina. Raramente sono state descritte le concentrazioni della fPLI in gatti affetti da tumori pancreatici.

Questo studio ha l’obiettivo di determinare la sensibilità e la specificità di un saggio ELISA (enzyme-linked immunosorbent assay) per la quantificazione della fPLI in campioni di siero, confrontando i risultati con i reperti istopatologici di gatti con patologie pancreatiche di varia origine.

Martedì, 21 Aprile 2020 07:57

Stress e proteinuria nel cane

stressNel cane è stato osservato che il rapporto proteine urinarie-creatinina urinaria (UPC, protein-to-creatinine ratios) è più basso nei campioni di urina raccolti a casa (AH, at home) rispetto a quelli raccolti in ospedale (IH, in hospital). È stato ipotizzato che le procedure che inducono stress e il viaggio verso l’ospedale causino proteinuria pre-renale.

Uno studio prospettico ha voluto valutare lo stress del paziente determinando il rapporto cortisolo urinario-creatinina urinaria (UCCr, urine cortisol:creatinine ratios) e ha correlato l’UCCr all’UPC in campioni di urina ottenuti AH e IH.

urinocolturaL’esame colturale delle urine viene spesso raccomandato per escludere un'infezione come causa di proteinuria post-renale.

Uno studio retrospettivo ha voluto identificare le caratteristiche associate alla crescita batterica nelle urine di cani proteinurici.

Venerdì, 17 Aprile 2020 07:31

Igroma del gomito nel cane

igroma gomitoUno studio retrospettivo ha voluto riportare i risultati dell’escissione chirurgica e del posizionamento del drenaggio di Penrose per il trattamento dell’igroma del gomito nel cane.

Sono state revisionate le cartelle cliniche per acquisire le informazioni relative a: razza, sesso, età, durata dei segni clinici, peso, anamnesi, emocromo completo e biochimica sierica, reperti dell'esame fisico diretto, diametro dell'igroma, citologia dell’ago aspirato, tipo di trattamento, reperti istologici, complicanze post-chirurgiche e loro gestione ed outcome.

camaleonti velatiI camaleonti velati (Chamaeleo calyptratus) e i camaleonti pantera (Furcifer pardalis) sono i camaleonti più famosi al mondo e, di conseguenza, due delle specie che si incontrano più di frequente nella pratica clinica. Ad oggi non sono presenti studi sulla normale anatomia ultrasonografica di questi rettili.

Gli obiettivi di questo studio anatomico prospettico erano: lo sviluppo di un protocollo ecografico per la valutazione della cavità celomatica in queste specie e la descrizione della normale anatomia ultrasonografica degli organi celomatici.

Venerdì, 10 Aprile 2020 07:29

Carcinomatosi pleurica nel gatto

carcinomatosiLo scopo di questo studio consiste nel valutare il beneficio della chemioterapia con somministrazione intracavitaria di carboplatino nei gatti con versamento pleurico conseguente a una neoplasia epiteliale.

Sono state esaminate le cartelle cliniche di gatti con diagnosi citologica di versamento pleurico neoplastico di origine epiteliale. Sono stati inclusi solo i gatti trattati con somministrazione intracavitaria di carboplatino. Sono stati raccolti i dati relativi a: segnalamento, anamnesi, segni clinici, analisi del versamento pleurico, reperti della diagnostica per immagini, protocollo chemioterapico, effetti avversi, risposta alla chemioterapia, outcome e informazioni riguardanti la neoplasia primaria sottostante.

ulcera gastricaLe ulcere e il sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore nei cani in condizioni critiche possono causare una grave anemia e aumentare la morbilità. In questi pazienti è raccomandato l’utilizzo, per via endovenosa (IV, intravenously), di farmaci soppressori dell’acidità gastrica quali inibitori di pompa protonica o antagonisti dei recettori istaminici H2.

In questo studio crossover randomizzato, è stata valutata l'efficacia di esomeprazolo e pantoprazolo somministrati IV e della famotidina somministrata in infusione continua (CRI, constant rate infusion) sull'aumento del pH gastrico nel cane. Gli autori ipotizzano che esomeprazolo e famotidina avrebbero determinato una soppressione acida superiore rispetto al pantoprazolo, permettendo di raggiungere un valore di pH gastrico utile per il trattamento del sanguinamento gastrointestinale.

Pagina 6 di 47

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.