Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6771 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gastrostomy tube in a YorkshireQuesto studio retrospettivo ha voluto determinare la sicurezza del posizionamento chirurgico dei tubi gastrostomici per l’alimentazione nei cani con peritonite settica.

Sono stati valutati retrospettivamente 43 cani con peritonite settica sottoposti a esplorazione chirurgica nell’ambito della quale era stato posizionato il tubo gastrostomico (de Pezzer o Foley). Sono stati documentati i tempi di recupero postoperatorio, i tempi di ospedalizzazione, la frequenza di complicanze e i tempi complessivi di sopravvivenza.

Mercoledì, 27 Novembre 2019 07:55

Stima del GFR in cavalli di diverse età

horse immunovet.hu La clearance plasmatica dello ioexolo è un metodo affidabile per valutare la velocità di filtrazione glomerulare (GFR, glomerular filtration rate). Nel cavallo, non è chiara la relazione tra età e GFR.

Questo studio prospettico ha avuto come obiettivo quello di confrontare il GFR, stimato tramite clearance dello ioexolo, in cavalli di età diverse.

vincristineL’obiettivo di questo studio retrospettivo consisteva nel determinare l'effetto della somministrazione di vincristina sulla conta piastrinica, sulla morfologia piastrinica e sull'incidenza di trombocitopenia nei cani con diagnosi di linfoma.

Sono state revisionate le cartelle cliniche di 59 cani con linfoma in trattamento con vincristina solfato.

Martedì, 26 Novembre 2019 20:28

Utilità della biopsia iridea nel gatto

diffuseirisQuesto studio retrospettivo ha indagato il beneficio della biopsia iridea nei gatti con iperpigmentazione dell'iride nel differenziare la melanosi dallo stadio precoce del melanoma irideo diffuso felino (FDIM, feline diffuse iris melanoma).

Sono state revisionate le cartelle cliniche di 7 gatti con iperpigmentazione unilaterale dell'iride nei quali fossero state eseguite le biopsie iridee. Le biopsie venivano eseguite in anestesia generale (n= 7) con blocco neuromuscolare (n= 6) dopo che, nel periodo preoperatorio, i gatti avevano ricevuto la somministrazione topica di farmaci miotici (n= 5). Le biopsie venivano effettuate a livello delle aree iperpigmentate e sono stati ottenuti da 1 a 6 campioni bioptici per occhio. I campioni bioptici erano a spessore parziale (n= 4 occhi) e a tutto spessore (n= 3 occhi). Le complicazioni minori che sono state osservate erano: lieve emorragia intraoperatoria (n= 4), coaguli di fibrina (n= 2), ulcera corneale (n= 1), ipertensione oculare post-operatoria (n= 1), discoria (n= 1) e pseudopolicoria (n = 2). La prima biopsia era diagnostica in 6 gatti; in un gatto è stato necessario ripetere il prelievo bioptico. L'istopatologia era coerente con melanosi in 5 gatti e con FDIM precoce in 2 gatti. Lo screening per indagare la presenza di malattia metastatica (tomografia computerizzata toracica ed ecografia addominale) era negativo nei due gatti con una sospetta diagnosi di FDIM precoce. L'enucleazione e l'istopatologia effettuate successivamente hanno confermato la diagnosi iniziale in entrambi i casi.

Lunedì, 25 Novembre 2019 07:43

Campylobacter negli allevamenti da latte

hj608 wellie socksGli animali da allevamento, quelli domestici e la fauna selvatica possono essere tutti portatori intestinali di specie di Campylobacter termotolleranti. In quanto serbatoi, questi animali possono a loro volta contaminare l'ambiente e i prodotti alimentari, diventando così pericolosi per l’uomo.

Lo scopo di questo studio era quello di studiare le strategie di campionamento applicate per la sorveglianza del Campylobacter negli allevamenti di bovini da latte e per identificare se e quali specie di Campylobacter sono diffuse in funzione delle diverse fasce di età.

dog nefrolLa creatinina sierica (sCr, serum creatinine) e la dimetilarginina simmetrica (SDMA, symmetric dimethylarginine) sono utilizzate, nella pratica clinica, come marker surrogati della velocità di filtrazione glomerulare (GFR, glomerular filtration rate). Le informazioni relative alle correlazioni tra GFR, SDMA e creatinina sierica nel cane sono limitate.

Questo studio ha avuto gli obiettivi di descrivere la relazione tra GFR, SDMA e sCr in una popolazione canina e di confrontare l'utilità clinica della SDMA con quella del GFR per diagnosticare la malattia renale cronica pre-azotemica.

elevated liver enzymes in cats998Lo shunt portosistemico extraepatico congenito (CEHPSS, congenital extrahepatic portosystemic shunt) è una patologia rara nel gatto. L’outcome dopo intervento di attenuazione con pellicola sottile è stato descritto in un numero limitato di casi.

Questo studio retrospettivo ha voluto descrivere la presentazione clinica, le complicanze postoperatorie e l'outcome di gatti sottoposti all’intervento chirurgico con posizionamento di una pellicola sottile per attenuare gli CEHPSS.

Venerdì, 22 Novembre 2019 07:50

Tumori del cavo orale nel coniglio

neoplasm rabbitIn letteratura sono disponibili pochi studi che descrivono nel dettaglio i tumori spontanei del cavo orale nel coniglio.

Questo studio retrospettivo raggruppa 18 casi di tumori del cavo orale in questa specie, con lo scopo di descriverne i reperti clinici e patologici.

Venerdì, 22 Novembre 2019 07:25

Miastenia gravis acquisita nel gatto

mgcatLa miastenia gravis acquisita (AMG, acquired myasthenia gravis) è una patologia diagnosticata sempre più di frequente nel gatto. Le informazioni relative al decorso della malattia, il trattamento e l'outcome, inclusa la comparsa di remissione immunitaria o spontanea, rimangono tuttavia limitate.

L’obiettivo di questo studio retrospettivo consisteva nel determinare l'outcome a lungo termine di gatti con AMG senza evidenza di una massa mediastinica craniale (CMM, cranial mediastinal mass).

Venerdì, 22 Novembre 2019 07:12

Ingestione di uva e uvetta nel cane

uva uvettaL’obiettivo di questo studio retrospettivo consisteva nel descrivere la prevalenza di danno renale acuto (AKI, acute kidney injury), il decorso clinico, le procedure di decontaminazione e l’outcome di 139 cani che avevano ingerito uva o uvetta.

La prevalenza di AKI nei cani per i quali erano disponibili i dati relativi alla chimica sierica, era del 6,7% (8/120). La prevalenza di AKI nei gruppi “ammissione precoce” (3/67) e “ammissione tardiva” (5/53) era rispettivamente del 4,5% e del 9%. La prevalenza di AKI non differiva significativamente tra i due gruppi (P= 0,27). Quattro cani (3,3%) erano iperazotemici già all’ammissione e 4 cani (3,3%) presentavano un aumento della creatinina ≥0,3 mg/dL al controllo (3 cani del gruppo “ammissione precoce” e 1 cane del gruppo “ammissione tardiva”). Il vomito era il segno clinico più comune (18/139). Centoventidue cani (88%) erano stati sottoposti a decontaminazione gastrointestinale; il numero di cani sottoposti a questa procedura era significativamente maggiore nel gruppo “ammissione precoce” (P< 0,0001). Due cani hanno ricevuto una terapia renale sostitutiva continua (emodialisi). Centotrentotto cani erano sopravvissuti e 1 cane era deceduto.

Pagina 6 di 40

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.