Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6538 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Lunedì, 08 Aprile 2019 19:28

Chemioterapia in corso di linfoma equino

imagesIn letteratura, le informazioni prognostiche relative al linfoma equino sono scadenti e il trattamento è spesso palliativo.

Questo case series retrospettivo ha lo scopo di fornire informazioni riguardo l’outcome a lungo termine di 15 cavalli con linfoma sottoposti a chemioterapia.

downloadLo scopo di questo studio retrospettivo era quello di descrivere la posizione e la distribuzione delle fratture craniomaxillofacciali (CMF) in 45 gatti che avevano subito un trauma cranico a seguito del quale avevano riportato una o più fratture CMF diagnosticate tramite esame di tomografia computerizzata (TC).

Ai fini dello studio, lo scheletro CMF è stato suddiviso in 15 regioni anatomiche funzionali e, sulla base delle immagini TC, i siti di frattura sono stati assegnati a una di queste regioni anatomiche.

ryan hypercalciuriaandbone teaserLe persone con ipercalciuria idiopatica (II) e urolitiasi da ossalato di calcio (CaOx) presentano spesso un aumentato riassorbimento osseo; il turnover osseo nei cani con le stesse problematiche non è ancora stato indagato.

Lo scopo di questo studio retrospettivo era quello di verificare se le concentrazioni di un marcatore di riassorbimento osseo, il β-crosslaps, fossero significativamente alterate in cani con II e urolitiasi da CaOx rispetto ad un gruppo di controllo.

Lunedì, 08 Aprile 2019 19:12

Teofillina transdermica nei gatti

Transdermal CatL’obiettivo primario di questo studio era quello di stabilire se la somministrazione cronica una volta al giorno di teofillina transdermica fosse efficace nel determinare concentrazioni sieriche terapeutiche e, secondariamente, quello di confrontare tra loro due diverse formulazioni di teofillina transdermica.

Sette gatti sani, di età compresa tra 1 e 10 anni, sono stati valutati in un disegno crossover bidirezionale, randomizzato, in doppio cieco. Questi soggetti hanno ricevuto teofillina transdermica alla dose di 15 mg/kg per 21 giorni nella formulazione di organogel di lecitina pluronica (PLO, Pluronic Lecithin Organogel) o nella formulazione Lipoderm. Il giorno 22, campioni di sangue sono stati prelevati 2, 6, 14 e 24 ore dopo la somministrazione. Dopo un periodo di washout di 14 giorni, è stato prelevato un campione di sangue al fine di verificare che le concentrazioni sieriche di teofillina non fossero più rilevabili. A quel punto è stato somministrato il secondo tipo di formulazione per un periodo di altri 21 giorni e il campionamento è stato ripetuto come già descritto. Le concentrazioni sieriche di teofillina sono state determinate utilizzando un test immunologico automatizzato.

Dollarphotoclub 56745107Questo studio ha indagato la percentuale di reazioni vaccinali osservate in una popolazione di cani con precedente diagnosi di anemia emolitica immunomediata (IMHA, immunemediated hemolytic anemia) primaria successivamente sottoposti a profilassi vaccinale. Un obiettivo secondario era quello di indagare il tempo intercorso tra la precedente vaccinazione e la diagnosi di IMHA.

Ai proprietari e ai veterinari referenti di 44 cani con IMHA primaria è stato chiesto quando fosse stata effettuata l’ultima vaccinazione prima della diagnosi, se il soggetto fosse stato vaccinato dopo l’episodio di IMHA e, eventualmente, a che distanza di tempo.

horse eating hay 270x180I funghi contribuiscono alla risposta infiammatoria innescata nei polmoni nei cavalli affetti da ostruzione ricorrente delle vie aeree e nelle persone con specifiche forme di asma. Il ruolo che i funghi svolgono nella malattia infiammatoria delle vie aeree (IAD, inflammatory airway disease) non è stato indagato.

L’obiettivo di questo studio prospettico osservazionale era quello di valutare la prevalenza dei funghi in campioni prelevati dalle vie respiratorie di cavalli con IAD, descrivere i segni clinici associati alla loro presenza e indagare i fattori di rischio associati alla IAD e alla presenza di funghi nelle vie aeree.

143086 770x405I farmaci antinfiammatori non steroidei sono somministrati nei cavalli per il trattamento di diverse malattie sistemiche. Gli inibitori selettivi della cicloossigenasi-2 sono preferiti a causa del minor rischio di effetti avversi. Nei cavalli diverse formulazioni di meloxicam sono già state testate, ma una nuova formulazione granulare ad uso orale, recentemente commercializzata, non è ancora stata indagata.

L’obiettivo di questo lavoro era quello di studiare la farmacocinetica di una nuova formulazione granulare di meloxicam in cavalli in condizioni di digiuno e non, e confrontare le caratteristiche farmacocinetiche con la formulazione in compresse e con la sospensione orale,

imagesLa terapia trombolitica è un trattamento di scelta per le persone che hanno subito eventi ischemici acuti; diversamente non è comunemente somministrata ai gatti con tromboembolismo aortico (TEA).

Questo studio retrospettivo riporta i dati clinici e l’outcome di gatti con TEA acuto trattati con l'attivatore del plasminogeno tissutale (TPA, tissue plasminogen activator) confrontandoli con quelli di un gruppo di riferimento trattato con le terapie standard.

1 s2.0 S0034528818300444 gr1Questo studio si era posto l’obiettivo di valutare l’efficacia della risposta immunitaria conseguente alla vaccinazione in funzione del sito anatomico nel quale il vaccino era inoculato.

Nell'esperimento A, ai ratti veniva somministrato un vaccino per via sottocutanea per due volte a distanza di 2 settimane in quattro siti diversi: “houhai acupoint” (parte centrale della depressione compresa tra l’ano e la base ventrale della coda, lungo la linea mediana), zona sottomandibolare, fossa poplitea o schiena. I livelli sierici di anticorpi specifici sono stati determinati 2, 4 e 6 settimane dopo la seconda immunizzazione. Gli splenociti sono stati separati per la rilevazione della proliferazione dei linfociti e dell'espressione dell'mRNA di citochine.

Martedì, 02 Aprile 2019 16:12

Fenobarbitale transdermico nei gatti sani

transdermals 680x1024Lo scopo di questo studio era quello di determinare la sicurezza della somministrazione transdermica del fenobarbitale e verificare il raggiungimento di concentrazioni sieriche idonee nei gatti sani. Gli autori ipotizzano che la somministrazione transdermica consenta il raggiungimento di concentrazioni sieriche terapeutiche (15-45 μg/mL) con solo minimi effetti collaterali a breve termine.

Lo studio ha coinvolto gatti ritenuti sani sulla base dell’esame fisico, dell’esame neurologico e di un profilo emato-chimico nella norma. Il fenobarbitale transdermico in gel PLO (Pluronic Lecithin Organo-gel) è stato somministrato alla dose di 3,0-3,1 mg/kg per pinna auricolare (per un totale di 6,0-6,2 mg/kg) ogni 12 ore per 14 giorni. Le concentrazioni sieriche di fenobarbitale sono state misurate 3-6 ore dopo la somministrazione del gel per sette volte nei 15 giorni.

Pagina 9 di 30

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.