Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6649 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Venerdì, 22 Novembre 2019 07:50

Tumori del cavo orale nel coniglio

neoplasm rabbitIn letteratura sono disponibili pochi studi che descrivono nel dettaglio i tumori spontanei del cavo orale nel coniglio.

Questo studio retrospettivo raggruppa 18 casi di tumori del cavo orale in questa specie, con lo scopo di descriverne i reperti clinici e patologici.

Venerdì, 22 Novembre 2019 07:25

Miastenia gravis acquisita nel gatto

mgcatLa miastenia gravis acquisita (AMG, acquired myasthenia gravis) è una patologia diagnosticata sempre più di frequente nel gatto. Le informazioni relative al decorso della malattia, il trattamento e l'outcome, inclusa la comparsa di remissione immunitaria o spontanea, rimangono tuttavia limitate.

L’obiettivo di questo studio retrospettivo consisteva nel determinare l'outcome a lungo termine di gatti con AMG senza evidenza di una massa mediastinica craniale (CMM, cranial mediastinal mass).

Venerdì, 22 Novembre 2019 07:12

Ingestione di uva e uvetta nel cane

uva uvettaL’obiettivo di questo studio retrospettivo consisteva nel descrivere la prevalenza di danno renale acuto (AKI, acute kidney injury), il decorso clinico, le procedure di decontaminazione e l’outcome di 139 cani che avevano ingerito uva o uvetta.

La prevalenza di AKI nei cani per i quali erano disponibili i dati relativi alla chimica sierica, era del 6,7% (8/120). La prevalenza di AKI nei gruppi “ammissione precoce” (3/67) e “ammissione tardiva” (5/53) era rispettivamente del 4,5% e del 9%. La prevalenza di AKI non differiva significativamente tra i due gruppi (P= 0,27). Quattro cani (3,3%) erano iperazotemici già all’ammissione e 4 cani (3,3%) presentavano un aumento della creatinina ≥0,3 mg/dL al controllo (3 cani del gruppo “ammissione precoce” e 1 cane del gruppo “ammissione tardiva”). Il vomito era il segno clinico più comune (18/139). Centoventidue cani (88%) erano stati sottoposti a decontaminazione gastrointestinale; il numero di cani sottoposti a questa procedura era significativamente maggiore nel gruppo “ammissione precoce” (P< 0,0001). Due cani hanno ricevuto una terapia renale sostitutiva continua (emodialisi). Centotrentotto cani erano sopravvissuti e 1 cane era deceduto.

Martedì, 19 Novembre 2019 22:48

Nefrolitiasi in una lontra asiatica

plontraUna lontra asiatica dalle piccole unghie (Aonyx cinereus), femmina adulta, nata in cattività è stata visitata per diarrea e disconfort addominale.

Gli esami radiografici ed ecografici mettevano in evidenza la presenza di un voluminoso nefrolita nel rene sinistro. Una nefrolitiasi di piccola entità era preste anche nel rene destro. Gli esami emato-chimici erano nella norma. L’urografia discendente è stata utilizzata per la valutazione funzionale dell’apparato urinario e ha rilevato una normale funzione escretoria in entrambi i reni.

Martedì, 19 Novembre 2019 22:03

Caratteristiche della fimosi nei gattini

fipmonUno studio ha voluto descrivere le caratteristiche cliniche e l’esito della chirurgia in gattini con fimosi. Un altro obiettivo consisteva nello sviluppare un sistema per classificare la fimosi sulla base delle lesioni patologiche macroscopiche.

Le cartelle cliniche di gatti con fimosi di età ≤ alle 20 settimane, sottoposti a intervento chirurgico, sono state individuate esaminando i database di 2 ospedali veterinari universitari. Per ogni gattino, le informazioni estratte dalla cartella includevano: segnalamento, anamnesi, segni clinici, riscontri all’esame fisico diretto, trattamenti effettuati e dettagli riguardanti la procedura chirurgica eseguita, le complicanze postoperatorie e l’outcome.

Dry Nose Dog TreatmentUno studio ha descritto l'aspetto TC del condrosarcoma nasale canino e ha confrontato i pattern di calcificazione con quelli descritti nell'uomo.

Le indagini di tomografia computerizzata di cani con condrosarcoma nasale, confermato tramite biopsia, sono state esaminate retrospettivamente e sono stati valutati anche i pattern di calcificazione.

Venerdì, 15 Novembre 2019 00:32

Reperti ecografici splenici e rilevanza clinica

splenectomy for your dogNella specie canina, la presenza di noduli splenici e di un parenchima disomogeneo sono reperti frequentemente riscontrati all’ecografa addominale, ma l'importanza clinica di queste lesioni rimane poco chiara.

L’obiettivo di questo studio era quello di stabilire se specifici rilievi ecografici si correlassero con diagnosi citologiche clinicamente rilevanti e determinare quali di questi rilievi fossero correlati a queste diagnosi. Un altro obiettivo era quello di sviluppare uno score che aiutasse i medici a decidere se determinati rilievi ultasonografici giustificassero l’esecuzione di una citologia splenica.

mummificationNeospora caninum è un agente eziologico noto per i disturbi riproduttivi che può determinare in diverse specie animali, quali bovini, ovini e caprini. Tuttavia, quali siano esattamente gli effetti sulla sfera riproduttiva dei suini non sono del tutto noti.

Questo studio ha voluto appurare la trasmissione transplacentare di N. caninum nei suini durante le diverse fasi gestazionali.

sotaloloIl sotalolo è un farmaco antiaritmico comunemente usato per il trattamento delle tachiaritmie patologiche nel cane. Il blocco β-adrenergico associato alla somministrazione di sotalolo potrebbe comportare una ridotta contrattilità miocardica. Ad oggi, le proprietà inotrope del sotalolo nel cane non sono state indagate.

In questo studio prospettico sono stati inclusi 10 cani sani, adulti, di taglia grande. Tutti i cani sono stati sottoposti ad esame fisico diretto, misurazione della pressione arteriosa, elettrocardiografia, monitoraggio Holter per 24 ore ed ecocardiografia, comprensiva delle misurazioni tridimensionali del volume del ventricolo sinistro. Ai cani è stato successivamente somministrato il sotalolo (1-2 mg/kg) per via orale, due volte al giorno per 12-16 giorni dopo i quali sono stati ripetuti i test diagnostici iniziali.

Mercoledì, 06 Novembre 2019 07:54

Interferone alfa nei gatti con FeLV o FIV

fiv felv catsI trattamenti specifici per le infezioni sostenute dal virus della leucemia felina (FeLV, feline leukemia virus) e dal virus dell'immunodeficienza felina (FIV, feline immunodeficiency virus) sono tossici, costosi o non troppo efficaci. L'interferone α (IFN-α) è una molecola immunomodulatrice che si è dimostrata in grado di ridurre il rilascio di particelle infettanti in vitro.

Questo studio ha avuto l’obiettivo di documentare l’andamento dello score clinico e dei parametri virali in gatti di proprietà con infezione naturale da FeLV e FIV trattati con IFN-α ricombinante umano (rHuIFN-α, Roferon-A).

Pagina 2 di 36

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.