Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6538 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

capraUno studio ha valutato l’influenza dell’inibizione dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE, angiotensin-converting enzyme) sull’efficacia dell’inseminazione artificiale a tempo fisso nella capra.

Sono state incluse 69 capre suddivise, in maniera randomizzata, in 2 gruppi: il gruppo enalapril (n = 35) e il gruppo controllo (n = 34) . Nell'esperimento, tutti gli animali sono stati sottoposti al protocollo di inseminazione artificiale a tempo fisso per 12 giorni. Il gruppo enalapril ha ricevuto enalapril maleato disciolto in soluzione salina per via sottocutanea alle dosi di 0,2 mg/kg/giorno ai giorni (G) G0-G2, a 0,3 mg/kg/giorno ai G3-G6 e a 0,4 mg/kg/giorno ai G7-G11. Il gruppo di controllo ha ricevuto il corrispondente volume ma di soluzione salina allo 0,9%. A 36 ore dalla rimozione della spugna è stata eseguita una singola inseminazione utilizzando sperma congelato. La diagnosi di gravidanza è stata effettuata mediante ecografia a distanza di 30 giorni dall'inseminazione.

ulcere testaNei gatti la comparsa di ulcere a livello di testa e collo può derivare da problematiche allergiche e non, tra queste ultime deve essere presa in considerazione anche la leishmaniosi felina (FeL). Pertanto, nelle aree endemiche per la leishmaniosi canina, è necessario escludere questa causa poiché i farmaci usati per trattare le patologie immunomediate possono essere controindicati in corso di leishmaniosi.

Uno studio condotto su 27 gatti con dermatite ulcerativa della testa e del collo ha valutato la presenza di Leishmaniosi da biopsie cutanee tramite l’esame immunoistochimico (IHC) e la PCR quantitativa. Inoltre, dal momento che la leishmaniosi può indurre una risposta infiammatoria istiocitaria locale, è stata valutata anche la presenza di istiociti tissutali sempre tramite esame immunoistochimico.

cistifelleaLe malattie della cistifellea sono comuni nei cani e l'ecografia bidimensionale rappresenta il metodo attualmente più usato per la diagnosi e la pianificazione del trattamento. Tuttavia, le informazioni ricavate tramite questa tecnica sono spesso non-specifiche.

Uno studio retrospettivo si è posto l’obiettivo di descrivere le ecografie convenzionali e con mezzo di contrasto (SonoVue®) in un gruppo di 65 cani con patologie della cistifellea confermate istologicamente.

parto

Uno studio ha indagato il valore predittivo delle concentrazioni plasmatiche di acidi grassi non esterificati (NEFA), beta-idrossibutirrato (BHB), colesterolo, albumina e calcio nel predire il rischio di malattie del peripartum nelle mucche Holstein primipare e pluripare.

surrenalectomiaUno studio pilota sperimentale ha valutato, per la prima volta, l’eseguibilità della surrenalectomia laparoscopica retroperitoneale a porta singola in 8 cani sani di razza Beagle.

La procedura è stata eseguita in 4 cani dal lato sinistro e negli altri 4 dal lato destro. La resezione della ghiandola surrenale è stata effettuata attraverso una porta SILS utilizzando un approccio retroperitoneale. La durata dell'intervento è stata definita come il tempo intercorso dall'incisione cutanea al completamento della sutura cutanea. Il dolore postoperatorio è stato valutato utilizzando 3 punteggi del dolore. L'integrità della capsula della ghiandola surrenale è stata valutata mediante valutazione istologica.

Lunedì, 16 Luglio 2018 12:45

Emorragia retinica puntiforme nel cane

emorragie retinicheUno studio si è posto l’obiettivo di descrivere le caratteristiche cliniche dell’emorragia retinica puntiforme nella specie canina.

Sono stati inclusi 83 cani con emorragia retinica puntiforme dei quali sono stati raccolti i dati relativi al segnalamento e la presentazione clinica, comprese eventuali concomitanti malattie oculari e sistemiche.

cerbiattoNei cervidi sono state segnalate alcune anomalie oculari congenite, quali microftalmia, anoftalmia, cataratta congenita, cisti dermoidi e coloboma oculare. Attualmente non è ancora stata stabilita una causa responsabile di queste anomalie, come ad esempio carenze nutrizionali, esposizione a tossine ambientali o mutazioni genetiche.

Uno studio retrospettivo ha preso in esame i casi di sospette anomalie oculari congenite in 15 esemplari di cervo dalla coda bianca (Odocoileus virginianus).

Mercoledì, 04 Luglio 2018 19:53

Tossicità delle avermectine nei vitelli

CalvesUno studio ha valutato i possibili effetti avversi di diversi dosaggi di avermectine (abamectina e una combinazione di ivermectina + abamectina) somministrati per via sottocutanea in vitelli di età inferiore a un mese.

Trentacinque vitelli sono stati divisi in 7 gruppi, ciascuno costituito da cinque soggetti: gruppo 1 (controllo), gruppo 2 (abamectina 200 μg/kg), gruppo 3 (abamectina 400 μg/kg), gruppo 4 (abamectina 600 μg/kg), gruppo 5 (ivermectina 450 μg/kg + abamectina 250 μg/kg), gruppo 6 (ivermectina 900 μg/kg + abamectina 500 μg/kg) e gruppo 7 (ivermectina 1350 μg/kg + abamectina 750 μg/kg). Al giorno zero (giorno del trattamento) e ai giorni 1, 7 e 14 post-trattamento sono stati valutati i parametri clinici, biochimici (proteine totali ed enzimi AST, GGT e fosfatasi alcalina) ed è stato effettuato un esame del liquido cerebrospinale (colore, aspetto, pH, densità, cellularità, proteine totali, glucosio ed enzimi CK, ALT e LDH).

Mercoledì, 04 Luglio 2018 19:48

Chiari-like syndrome e siringomielia nel cane

CKCSLa Chiari-like syndrome (CLS) e la siringomielia (SM) sono condizioni che possono verificarsi comunemente nei cani di taglia piccola o toy. La CLS, per la quale esiste una forte predisposizione genetica nei cani di razza Cavalier King Charles spaniel (CKCS), comporta una alterazione della dinamica del liquido cerebrospinale che può portare allo sviluppo di SM. I segni clinici associati a CLS/SM sono spesso confusi con altre problematiche otologiche e dermatologiche, che possono ritardare un trattamento appropriato.

La diagnosi definitiva di CLS/SM richiede indagini di diagnostica per immagini avanzata; tuttavia, a causa dei costi di quest’ultima, molto spesso i casi vengono gestiti in maniera sintomatica sulla base di un sospetto diagnostico.

Mercoledì, 04 Luglio 2018 19:43

Mastocitomi gastrointestinali felini

FGIMCTSulla base della letteratura disponibile, la prognosi dei mastocitomi gastrointestinali felini (FGIMCT, feline gastrointestinal mast cell tumour) è riservata/scadente, il che può influenzare le scelte terapeutiche e l'outcome dei pazienti.

Uno studio ha descritto i riscontri clinici, la risposta al trattamento e l'outcome dei FGIMCT attraverso la revisione retrospettiva delle cartelle cliniche di 31 gatti. I dati raccolti includevano il segnalamento, la tecnica tramite cui è stata effettuata la diagnosi, la posizione del tumore (compresi i siti metastatici), il tipo di trattamento, la causa di morte e il tempo di sopravvivenza.

Pagina 22 di 30

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.