Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6910 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Venerdì, 29 Maggio 2020 08:05

Morbillivirus felino

morbillivirusIl morbillivirus felino (FeMV, Feline morbillivirus) è un paramyxovirus, scoperto di recente, che infetta i gatti domestici; il suo ruolo nella patogenesi della malattia renale cronica felina (CKD, chronic kidney disease) è stato ipotizzato, ma non ancora documentato.

Lo scopo principale di questo studio retrospettivo era valutare il danno renale associato all'infezione da FeMV nel gatto.

Martedì, 26 Maggio 2020 17:36

Tossicosi da 5-fluorouracile in un cane

5 Fluorouracil 5 FU F5UQuesto report descrive il primo caso documentato di anemia indotta da sostanze ossidanti conseguente al trattamento con propofol ed emulsione lipidica IV (IVLE, IV lipid emulsion) per un’intossicazione da 5-fluorouracile (5-FU, 5-fluorouracil).

Un cane meticcio, maschio intero di 2 anni è stato portato in visita per l'ingestione di una crema contenente 5-FU al 5%. Il soggetto aveva sviluppato crisi reattive refrattarie, motivo per cui era stato iniziato un trattamento con benzodiazepine, propofol, levetiracetam e IVLE. Il cane è stato soppresso a causa dello sviluppo di una grave anemia indotta da sostanze ossidanti.

Martedì, 26 Maggio 2020 07:42

Biopsia linfonodale nel gatto

linfomaGli obiettivi di questo studio retrospettivo consistevano nell’esaminare le biopsie chirurgiche dei linfonodi addominali (LN, lymph nodes), ottenute durante la laparotomia esplorativa, e nel valutare eventuali benefici aggiuntivi dell'istopatologia rispetto alla citologia linfonodale.

Sono stati inclusi i gatti che fossero stati sottoposti ad ecografia addominale e biopsie linfonodali nell'ambito di una laparotomia esplorativa in un periodo di tempo di 4 anni. Sono state ottenute le informazioni relative a: presentazione clinica, indagini effettuate, ecografia, citologia, rilievi chirurgici e istopatologia.

Sabato, 23 Maggio 2020 18:29

Anestesia epidurale nelle pecore

anestesia epiduraleQuesto studio ha voluto indagare gli effetti cardiorepiratori, sedativi e antinocicettivi della combinazione dexmedetomidina-lidocaina somministrata tramite iniezione epidurale lombosacrale nelle pecore.

Sono stati incluse 6 pecore di razza Santa Inês; l’età media era di 16 ± 6 mesi e il peso medio era di 42,2 ± 5,7 kg. L’anestesia epidurale è stata effettuata utilizzando 3 diversi protocolli: L, lidocaina (1,2 mg/kg); D, dexmedetomidina (2,5 μg/kg); DL, dexmedetomidina e lidocaina (2,5 μg/kg + 1,2 mg/kg). I farmaci sono stati somministrati tramite catetere epidurale lombosacrale pre-posizionato. Prima della somministrazione del farmaco (T0) e dopo 15, 30, 60 e 120 minuti (T15-T120) per tutti i protocolli e da T0 a T240 nel gruppo DL, sono stati valutati i seguenti aspetti: effetti cardiorespiratori, emogasanalisi arterioso, elettroliti, grado di sedazione e aspetti antinocicettivi.

filariosi gattoDirofilaria immitis e Dirofilaria repens sono i filaridi più importanti e causano, rispettivamente, la filariosi cardiopolmonare e la filariosi sottocutanea. D. repens è attualmente considerato un agente zoonotico emergente in Europa.

Ciclo vitale e infezione Le filarie infettano principalmente i cani, ma anche i gatti, i furetti, i carnivori selvatici e l'uomo. Il ciclo di vita coinvolge un ospite intermedio, la zanzara. Rispetto ai cani, i gatti sono ospiti imperfetti per le dirofilarie. Dopo l'inoculazione, solo un basso numero di larve L3 muta fino a raggiungere lo stadio di adulto e questo si verifica in una piccola percentuale di gatti. La filariosi cardiopolmonare nel gatto può causare un tromboembolismo polmonare grave e una risposta infiammatoria eosinofila nei polmoni che può portare a morte improvvisa. Se non si verifica questo scenario, la maggiore parte dei gatti va incontro a guarigione spontanea dopo 18-48 mesi. La filariosi sottocutanea può presentarsi come noduli sottocutanei o dermatite.

Sabato, 23 Maggio 2020 14:58

Esame batteriologico delle ferite infette

ferite infetteL’obiettivo di questo studio prospettico consiste nel determinare l'influenza del metodo di campionamento sui risultati della coltura batterica e dell’antibiogramma per il trattamento delle ferite infette nel cane.

Le colture batteriche sono state effettuate, per ogni ferita, utilizzando 3 diversi metodi di campionamento: tampone prima della pulizia (tamponi sporchi), tampone dopo debridement (detersione chirurgica) e lavaggio sterile (tamponi puliti) e biopsia. Sono state confrontate le specie batteriche e i fenotipi isolati. Tre veterinari hanno scelto i farmaci antimicrobici in base al risultato della coltura batterica e dell’antibiogramma, senza essere a conoscenza delle informazioni riguardanti il paziente, il tipo di ferita e il metodo di campionamento. Gli antimicrobici sono stati suddivisi in 3 classi (classe I, II e III) in base a linee guida stabilite. Sono stati esaminati: il numero di antimicrobici scelto, la più alta classe di appartenenza degli antimicrobici selezionati e l'accordo tra gli esaminatori.

Giovedì, 21 Maggio 2020 23:35

Epilessia post-traumatica in un pappagallo

pappagalloUn pappagallo corona bianca (Pionus senilis), femmina di 13 anni, è stata portata in visita per crisi convulsive comparse 22 mesi dopo il trattamento per una lesione traumatica cerebrale (TBI, traumatic brain injury) caratterizzata da perdita della vista, emiparesi, nistagmo, circling ed head tilt.

Agli esami del sangue, effettuati per indagare l’origine delle crisi convulsive, erano presenti ipercalcemia e ipercolesterolemia, che venivano attribuite alla vitellogenesi compatibile con il reperto anamnestico di deposizione delle uova e con la recente insorgenza del comportamento riproduttivo. La risonanza magnetica del cervello evidenziava una diffusa atrofia del pallio destro con idrocefalo ex vacuo, che si riteneva fosse il risultato del precedente TBI. I reperti diagnostici erano compatibili con epilessia post-traumatica (PTS, post-traumatic seizures).

tracheostomiaQuesto studio retrospettivo ha voluto descrivere l'uso, le complicanze e l’outcome del posizionamento temporaneo di una cannula tracheostomica, in cani con sindrome brachicefalica (BAOS, sindrome ostruttiva delle vie aeree superiori), per la gestione dell'ostruzione acuta delle vie aeree superiori nel periodo postoperatorio di una chirurgia delle vie aeree.

Sono state revisionate le cartelle cliniche di cani sottoposti a chirurgia per la BAOS che fossero stati gestiti, nel periodo postoperatorio, con il posizionamento temporaneo di una cannula tracheostomica.

Giovedì, 21 Maggio 2020 20:27

Leishmaniosi felina

LEISHMANIA GATTOLa leishmaniosi felina (FeL, Feline leishmaniosis) è una malattia trasmessa da vettori emergente, con un numero crescente di segnalazioni e di studi condotti a livello internazionale.

Gli obiettivi dello studio sono: 1) aggiornare lo stato epidemiologico della FeL nei gatti randagi a Milano; 2) confrontare i risultati con studi precedenti effettuati nel Nord Italia; 3) riportare i risultati clinico-patologici e la presenza di coinfezioni nei gatti infetti da Leishmania spp.

perforazione ICCL’ileoscopia viene eseguita sempre più di frequente in cani e gatti con segni gastrointestinali, non sono tuttavia stati descritti casi di perforazione ileocecocolica iatrogena (ICC, iatrogenic ileocecocolic).

Questo case series ha l’obiettivo di descrivere le perforazioni endoscopiche ICC nel cane e nel gatto.

Pagina 4 di 47

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.