Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7311 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD student

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD student

Pattern RadiograficiL’obiettivo del presente studio era quello di valutare il pattern radiografico polmonare e la distribuzione topografica delle alterazioni nella broncopneumopatia eosinofila canina.

Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche di cani con diagnosi di broncopneumopatia eosinofila. Nelle radiografie toraciche sono stati valutati: presenza di una maggiore radiopacità, classificazione del pattern, topografia delle alterazioni polmonari (cranio-ventrale, peri-ilare, caudo-dorsale, caudo-ventrale) e gravità delle lesioni polmonari.

feline hypertension introNei gatti è difficile ottenere delle misurazioni accurate della pressione arteriosa a causa della natura stressante della visita clinica. L'obiettivo di questo studio era quello di valutare gli effetti della sala d’attesa in una clinica veterinaria e di uno spray ai feromoni felini sulla pressione sanguigna nel gatto. Gli autori ipotizzavano che evitando la sala d’attesa prima della visita e utilizzando uno spray ai feromoni facciali felini sintetici (feline facial pheromone, FFP) sarebbe stato possibile ridurre lo stress e di conseguenza la pressione arteriosa dei gatti.

Sono stati inclusi nello studio 39 gatti adulti sani. I gatti sono stati assegnati, in modo randomizzato, a quattro combinazioni di trattamento effettuati durante quattro visite. I gatti sono stati tenuti nella sala d'attesa dell'ospedale o portati direttamente nella sala visita, con o senza trattamento con FFP. Tutti i gatti sono stati quindi acclimatati nella sala visita per altri 10 minuti, dove sono state registrate le vocalizzazioni, prima di effettuare la misurazione della pressione arteriosa tramite metodo Doppler.

Feeding tube in place 01 cheloniaL’inserimento del sondino esofagostomico è comunemente eseguito nei cheloni, sia per fornire un supporto nutrizionale durante un periodo di anoressia sia per la somministrazione di farmaci. La procedura chirurgica è di solito rapida e semplice e viene eseguita in anestesia generale o in sedazione. Gli studi effettuati sui mammiferi suggeriscono che i sondini sono associati ad un numero ridotto di complicanze maggiori e sembrano essere ben tollerati dai pazienti. Lo scopo di questo studio era quello di descrivere e quantificare le complicanze associate all’inserimento del sondino esofagostomico nei cheloni.

Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche dei pazienti portati in visita tra il 2013 e il 2018. Sono stati inclusi nello studio tutti i cheloni in cui era stato inserito un sondino esofagostomico durante questo periodo di tempo. Sono stati registrati, inoltre, i motivi per l’inserimento del sondino e la frequenza e il tipo di complicanze osservate.

hematocheziaIl rapporto urea/creatinina (urea/creatinine ratio, UCR) è un marker per la presenza di sanguinamenti del tratto gastrointestinale superiore nell’uomo. L’obiettivo del presente studio era quello di valutare l'utilità dell'UCR nel predire la presenza di sanguinamento gastrointestinale (gastrointestinal bleeding, GIB) occulto e distinguere GIB del tratto superiore da quello del tratto inferiore nel cane.

Sono stati inclusi nello studio ottantanove cani con GIB e 65 cani clinicamente sani. I cani sono stati raggruppati in base a GIB clinicamente manifesto (n = 65) e GIB occulto (n = 24) e in base alla localizzazione della lesione (37 tratto superiore, 13 inferiore e 8 entrambi). Le seguenti variabili sono state confrontate tra i gruppi: concentrazione sierica di urea e creatinina, UCR, concentrazione di emoglobina, ematocrito, volume corpuscolare medio e concentrazione emoglobinica corpuscolare media. Per valutare se le variabili fossero in grado di distinguere i cani con GIB occulto dai cani sani e il GIB del tratto superiore da quello inferiore sono stati utilizzati dei modelli di regressione logistica.

Cat pissingLo scopo di questo studio era quello di determinare se i gatti maschi trattati con 7 giorni di prazosina dopo la risoluzione dall'ostruzione uretrale (urethral obstruction, UO) presentassero una frequenza ridotta di ostruzione uretrale ricorrente (recurrent urethral obstruction, rUO) entro 30 giorni.

Sono stati inclusi nello studio gatti maschi castrati che sono stati portati in visita, per la prima volta, per UO da maggio 2014 ad agosto 2017. I gatti sono stati trattati con protocolli anestesiologici e analgesici standardizzati, gestione standardizzata del catetere urinario permanente e sono stati ospedalizzati per la gestione dell’UO. I gatti inclusi sono stati divisi in due gruppi in modo randomizzato: 1) gatti trattati con prazosina (0,5 mg PO ogni 12 h per 7 giorni) e 2) gatti trattati con placebo. I proprietari dei gatti e gli autori dello studio non erano a conoscenza del tipo di trattamento assegnato ad ogni soggetto. Successivamente, è stato eseguito un follow-up telefonico con i proprietari, nei 30 giorni successivi alla dimissione, per identificare il tasso di rUO. I gatti che non hanno portato a termine l’intero ciclo di trattamento sono stati rimossi dall'analisi.

PPID cavalloIl trattamento della disfunzione della pars intermedia dell'ipofisi (pituitary pars intermedia dysfunction, PPID) nel cavallo prevede una terapia medica giornaliera con pergolide. Tuttavia, la compliance del proprietario e il suo effetto sul controllo della PPID non sono mai stati studiati.

Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche per identificare i cavalli con PPID trattati con pergolide dal 2016 al 2019. In ogni soggetto è stato registrato il segnalamento e calcolata la dose di pergolide ricevuta. In base alla compliance del proprietario, gli animali sono stati classificati come “compliante” (soggetti che ricevevano ≥90% della dose di pergolide raccomandata dal medico veterinario) o “non compliante”. Inoltre, i cavalli sono stati classificati come “controllato” (concentrazione basale di ormone adrenocorticotropo all'interno dell’intervallo di riferimento al follow-up) o “non controllato”.

poultry articles broilers broiler breeder chicken flock 3Le infezioni causate da Salmonella costituiscono uno dei principali problemi per la salute umana. Negli anziani e negli individui immunodepressi, le infezioni possono essere pericolose per la vita e possono richiedere una terapia antibiotica. Nei casi in cui è richiesta una terapia antibiotica, gli antimicrobici d’elezione includono fluorochinoloni e cefalosporine a spettro esteso (extended-spectrum cephalosporins, ESC). L'obiettivo di questo studio era quello di utilizzare i dati di un programma per la sorveglianza dell'antibiotico-resistenza (Canadian Integrated Program for Antimicrobial Resistance Surveillance, CIPARS) per confrontare la prevalenza dei diversi sierotipi di Salmonella negli allevamenti di polli da carne e di tacchini in tutto il Canada. Un ulteriore obiettivo era quelli di acquisire conoscenze riguardo la prevalenza di resistenza agli antibiotici considerati importanti per la salute umana.

I risultati hanno permesso di identificare 1.596 isolati di Salmonella ottenuti da 514 allevamenti di polli da carne e 659 isolati di Salmonella ottenuti da 217 allevamenti di tacchini (2013-2018). Tutti gli isolati sono stati ottenuti da pool di campioni fecali. Negli allevamenti di polli da carne, i sierotipi più frequenti erano Kentucky (n = 573, 36%), Enteritidis (n = 314, 20%) e Heidelberg (n = 127, 8%). Nel sierotipo Kentucky, la resistenza al ceftriaxone è diminuita dal 27% nel 2013 al 22% nel 2018. Non è stata segnalata antibiotico-resistenza nel sierotipo Enteritidis fino al 2018 quando un isolato è risultato essere resistente ad ampicillina, streptomicina, sulfisossazolo e tetraciclina. Nel sierotipo Heidelberg, la resistenza al ceftriaxone è diminuita dal 19% nel 2013 al 14% nel 2018. Negli allevamenti di tacchini i sierotipi più comuni erano Uganda (n = 109, 16,5%), Hadar (n = 85, 12%) e Muenchen (n = 66, 10%). Nei sierotipi Uganda e Muenchen non è stata evidenziata resistenza ai β-lattamici. Nel sierotipo Hadar (34/81, 42%) è stata identificata resistenza all'ampicillina. Non è stata riscontrata resistenza ai fluorochinoloni tra i sierotipi isolati nei tacchini.

Cat feverGli obiettivi di questo studio retrospettivo erano quelli di descrivere l’outcome a breve e lungo termine nei gatti con diagnosi di piotorace, identificare eventuali fattori prognostici e determinare il tasso di recidiva della patologia.

Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche di gatti con diagnosi di piotorace da aprile 2009 ad agosto 2018. I casi sono stati inclusi se la diagnosi di piotorace era stata confermata tramite citologia e/o esame colturale del versamento pleurico. Sono stati esclusi dallo studio I gatti in cui erano state sospettate o diagnosticate altre patologie toraciche e i gatti senza versamento pleurico.

Fig 3 Pupillary Light ReflexL’obiettivo del presente studio era quello di descrivere i reperti clinici e l’outcome in cani con diagnosi di insulinoma e identificare eventuali fattori associati alla sopravvivenza. Un ulteriore obiettivo era quello di descrivere i sintomi neurologici di questa popolazione e la loro associazione con la sopravvivenza.

Sono stati inclusi nello studio, in modo retrospettivo,116 casi. La durata mediana dei segni clinici prima dell’ammissione era di 1,5 mesi. I segni clinici più comuni erano debolezza (59,5%), crisi epilettiche (33,6%) e cambiamenti dello stato mentale o del comportamento (27,6%). In 3 cani è stata sospettata una discinesia parossistica. In 32 cani l’esame neurologico ha messo in evidenza delle alterazioni, le più comuni comprendevano: ottundimento del sensorio (28,1%), diminuzione dei riflessi flessori (21,9%) e risposta alla minaccia assente (18,8%). Il tempo di sopravvivenza è risultato essere significativamente più lungo nei cani sottoposti a intervento chirurgico (20 mesi) rispetto ai cani trattati con terapia medica (8 mesi; HR: 0,33; IC 95%: 0,18-0,59). La presenza di metastasi era l'unica altra variabile associata alla prognosi (HR 1,72; IC 95%: 1,02-2,91).

Mercoledì, 31 Marzo 2021 12:32

Toxoplasmosi sistemica nel canguro rosso

Canguro rossoToxoplasma gondii è un protozoo, con potenziale zoonotico, che infetta molti vertebrati endotermi, compreso l'uomo; il gatto domestico e altri felini fungono da ospite definitivo. I macropodidi sono considerati altamente suscettibili alla toxoplasmosi. L’obiettivo di questo studio era quello di descrivere i reperti clinici, patologici e immunoistochimici di un focolaio di toxoplasmosi sistemica in 11 canguri rossi (Macropus rufus), con alti tassi di morbilità (73%) e mortalità (100%).

Gli animali colpiti presentavano condizioni cliniche gravi e un rapido deterioramento o morte improvvisa, correlata a lesioni necrotizzanti diffuse multiorganiche. Inoltre, sono stati evidenziati organismi intralesionali (T. gondii), identificati tramite immunoistochimica e confermati con rtPCR. La quantificazione dei parassiti ha dimostrato una maggiore carica parassitaria nel parenchima polmonare rispetto ad altri tessuti.

Pagina 7 di 20

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares