Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7430 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

ANTONIO MARIA TARDO

ANTONIO MARIA TARDO

Cane e gattoIl SARS-CoV-2 è emerso dagli animali e ora si trasmette con facilità tra le persone. Il rilevamento sporadico di casi di infezione naturale da SARS-CoV-2 negli animali insieme alla dimostrazione di infezioni sperimentali in gatti, furetti e cani, sollevano interrogativi sulla suscettibilità degli animali da compagnia al virus.

Nel presente studio è stata condotta una vasta indagine epidemiologica per valutare l'infezione da SARS-CoV-2 in 919 cani e gatti di proprietà residenti nel nord Italia, campionati in un momento in cui la popolazione umana era gravemente colpita dal COVID-19.

golden labDiversi studi in medicina umana hanno messo in evidenza che un basso peso alla nascita predispone gli individui all'obesità in età avanzata. Nonostante il costante aumento della prevalenza dell'obesità nella popolazione canina e le importanti conseguenze sulla salute di questa affezione, sono state condotte poche ricerche sull'associazione tra peso alla nascita e rischio di sviluppare sovrappeso nel cane. Lo scopo del presente studio era quello di valutare l'associazione tra il peso alla nascita, insieme ad altre caratteristiche neonatali, e il sovrappeso in età adulta in una popolazione di cani di razza Labrador.

Sono state raccolte informazioni su sesso, età, sterilizzazione/castrazione, peso alla nascita e tassi di crescita (tra 0-2 giorni e 2-15 giorni di età) in 93 cani Labrador allevati in condizioni ambientali simili fino all’età di due mesi. Sono stati registrati, inoltre, i punteggi del body condition scores (BCS, scala da 1 a 9) di questi soggetti in età adulta; i cani con BCS uguale o superiore a 6 erano classificati come “sovrappeso”. I cani sono stati suddivisi, infine, in due gruppi in base al peso mediano alla nascita dell'intera popolazione: inferiore alla mediana (lower than the median, LTM) e superiore alla mediana (higher than the median, HTM). Per analizzare l’associazione tra le caratteristiche generali dei cani (sesso, età, sterilizzazione/castrazione), i parametri neonatali (peso alla nascita, tassi di crescita) e il sovrappeso in età adulta è stato applicato un modello di regressione logistica.

Vacche caloreLo stress da caldo è uno dei maggiori problemi del settore lattiero-caseario. Poiché il colore del mantello sembra essere correlato all'adattabilità allo stress da caldo, l’obiettivo del presente studio era quello di confrontare la temperatura rettale e superficiale di vacche Holstein con mantello pezzato rosso (Red-and-white, RW; n = 14) e pezzato nero (Black-and-white, BW; n = 16).

La temperatura superficiale è stata rilevata utilizzando la termografia a infrarossi in una stagione fredda (luglio; temperatura media: 15,5 °C) e calda (marzo; temperatura media: 30,5 °C) nel sud del Brasile. Le immagini termografiche sono state ottenute dal lato sinistro dell'animale mantenendo una distanza di 4 m. Le immagini sono state poi analizzate utilizzando un software apposito. Le variabili ottenute dalla termografia della superficie corporea includevano la temperatura delle macchie bianche, la temperatura delle macchie pigmentate, la temperatura nel punto più caldo e la temperatura nel punto più freddo. Le misurazioni della temperatura rettale sono state ottenute, durante la mungitura, tramite utilizzo di un termometro a mercurio.

          Gli adattamenti anatomici rendono gli uccelli maggiormente predisposti a fratture patologiche aperte con parti ossee esposte che perdono la vascolarizzazione. Come risultato di questa esposizione, le fratture sono colonizzate da diversi microrganismi, inclusi diversi tipi di batteri, sia aerobi che anaerobi, i quali causano in molti casi osteomielite. Per questo motivo viene comunemente utilizzato un trattamento antibiotico. Tuttavia, l'introduzione di un trattamento antibiotico in assenza di un antibiogramma può contribuire ad aumentare il rischio di antibiotico-resistenza, specialmente negli uccelli selvatici migratori.

In questo studio sono state analizzate la conta batterica relativa al tipo di frattura, l'identificazione del microrganismo coinvolto e l’antibiotico-resistenza negli uccelli selvatici dei centri di riabilitazione della fauna selvatica in Spagna.

Cavallo quarterL'iperparatiroidismo primario è una patologia rara nei grossi animali; pertanto si conosce poco riguardo la sua fisiopatologia, i test endocrini e le alterazioni elettrolitiche, la diagnosi, la gestione medica e la prognosi. Questo case report descrive la diagnosi clinico-patologica di un adenoma della ghiandola paratiroidea in una cavalla Quarter Horse di 12 anni, incluse le alterazioni del paratormone (PTH) e degli elettroliti associate alla neoplasia, la rimozione chirurgica dell'adenoma e la gestione medica del caso. Infine, questo case report descrive per la prima volta l'utilizzo dell'immunoistochimica per confermare la natura di questa neoplasia in un cavallo.

“Primary Hyperparathyroidism in a Quarter Horse Mare Associated With a Chief Cell Adenoma” Shannon Darby, et al. J Equine Vet Sci. 2020 Dec;95:103302. doi: 10.1016/j.jevs.2020.103302.

orange cat in cone after spay surgeryLo scopo del presente studio era quello di valutare i risultati dell’esame istopatologico di utero e ovaie in gatte clinicamente sane sottoposte a sterilizzazione elettiva.

Le ovaie e le corna uterine distali, o l'utero completo, di 106 gatte sono state valutate per la presenza di alterazioni istopatologiche.

Adrenal gland catIn letteratura veterinaria, le dimensioni delle ghiandole surrenali e la loro associazione con il peso corporeo sono state valutate raramente nel gatto. Lo scopo di questo studio era quello di valutare l'associazione tra il peso corporeo del gatto e lo spessore della ghiandola surrenale e proporre degli intervalli di riferimento (IR) nei gatti sani.

In questo studio trasversale sono stati inclusi 39 gatti sani. I gatti sono stati divisi in due categorie di peso, classificate come ≤ 4 kg e > 4-8 kg di peso corporeo ideale (con 13 e 26 gatti in ciascun gruppo, rispettivamente). Tutti i gatti sono stati sottoposti ad un esame ecografico. Gli spessori dorsoventrali massimi delle ghiandole surrenali sinistra (Maximum dorsoventral thicknesses of the left, MTL) e destra (Maximum dorsoventral thicknesses of the right, MTR) sono stati misurati in scansione sagittale. Sono stati ottenuti gli IR per lo spessore massimo (maximum thickness, MT), che includeva MTL e MTR di ciascun gatto. Gli IR con gli intervalli di confidenza del 90% sono stati calcolati secondo le linee guida dell'American Society for Veterinary Clinical Pathology.

Gatto melanocitomaL’obiettivo del presente studio era quello di caratterizzare il segnalamento, il comportamento biologico e l'outcome del trattamento nelle neoplasie melanocitarie del “planum” nasale nel gatto.

Sono stati inclusi nello studio 10 gatti con neoplasie melanocitarie del planum nasale. La pigmentazione del planum nasale sembrava essere un fattore predisponente. In 7 gatti è stato diagnosticato, tramite istopatologia, un melanoma maligno; in tre, invece, un melanocitoma benigno. Uno dei gatti ha sviluppato una metastasi linfonodale nonostante la diagnosi di una neoplasia melanocitaria ben differenziata. In 4 casi, una massa pigmentata, inizialmente stabile per un lungo periodo tempo, ha mostrato un'improvvisa rapida progressione che suggeriva una trasformazione maligna. I trattamenti includevano radioterapia ipofrazionata (n = 6) e resezione chirurgica (n = 1). In 3 gatti non è stato seguito alcun trattamento. Nei gatti trattati con radioterapia è stata osservata una remissione completa (n = 3) o parziale (n = 3); tuttavia, tutti i soggetti hanno manifestato una progressione o recidiva del tumore dopo un breve periodo di tempo. La maggior parte dei gatti (n = 7) sono stati sottoposti ad eutanasia a causa della progressione della neoplasia (tempo di sopravvivenza mediano: 265 giorni).

parasite infection leishmaniasis dogsLa leishmaniosi è una parassitosi ampiamente diffusa, trasmessa da vettori, che causa manifestazioni cliniche negli animali e nell'uomo. Nel cane, la leishmaniosi canina (Canine Leishmaniasis, CanL) è stata segnalata in ben 50 paesi e il bacino del Mediterraneo è noto per essere una delle zone più colpite. All'interno di queste aree, la Sardegna è stata a lungo considerata endemica per la leishmaniosi e recentemente è stata segnalata la presenza di due vettori artropodi. Tuttavia, ad oggi, sull'isola non sono state effettuate indagini epidemiologiche sulla CanL. Quindi, l’obiettivo del presente studio era quello di descrivere, per la prima volta, la sieroprevalenza e i fattori di rischio per la leishmaniosi canina in Sardegna.

Sono stati raccolti e analizzati campioni ematici, nonché informazioni generali e reperti clinici da 1.147 cani. I cani erano costituiti da due popolazioni distinte: "cani di proprietà" e "cani dei canili". Gli anticorpi IgG anti-Leishmania sono stati rilevati tramite una metodica IFAT e i campioni sono stati valutati come positivi utilizzando come cut-off una diluizione di 1:80.

Martedì, 08 Dicembre 2020 14:36

Polipi Tonsillari nel Cane

Tonsillary polipsI polipi tonsillari sono rari nel cane. In questo studio sono stati descritti 14 cani con polipi tonsillari e sono state esaminate la classificazione e la patogenesi.

Tutti i cani inclusi erano adulti (range, 3-13 anni). Le femmine (10/14) erano maggiormente rappresentate rispetto ai maschi (4/14). La maggior parte dei cani era asintomatico (10/14). Tutte le lesioni erano unilaterali, peduncolate (9/14) o sessili (5/14), con superficie liscia (12/14) o papillare/verrucosa (2/14). Istologicamente, i polipi consistevano in una proliferazione benigna di vasi linfatici, vasi sanguigni, tessuto fibroso e tessuto linfoide in proporzioni variabili, con occasionale tessuto adiposo (4/14). In base ai principali componenti stromali, i polipi sono stati classificati come linfangiomatosi (5/14), linfangiolipomatosi (2/14), linfangiofibromatosi (2/14), angiofibromatosi (1/14), angiofibrolipomatosi (1/14), linfoidi (2 / 14) e mixomatoso (1/14). La semplice escissione chirurgica è risultata essere curativa nei 9 casi in cui erano disponibili informazioni riguardo il follow-up.

Pagina 14 di 20

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares