Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7377 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

ANTONIO MARIA TARDO

ANTONIO MARIA TARDO

dog injecting by vet doctorLa prevenzione della leishmaniosi canina nei soggetti sani richiede un approccio multimodale che prevede la combinazione di prodotti repellenti specifici con un vaccino efficace. È disponibile in Europa dal 2012 un vaccino che modula la risposta immunitaria cellulo-mediata contro il protozoo (CaniLeish®). Lo scopo del presente studio era quello di monitorare i cani vaccinati con CaniLeish® per esaminare la cinetica della risposta anticorpale e valutare la sicurezza e la tolleranza di questo vaccino.

I cani vaccinati con CaniLeish® sono stati monitorati per 12 mesi a partire dalla data della prima vaccinazione o del richiamo annuale (Visita 1, V1) e successivamente dopo 1 (V2), 4 (V3), 8 (V4) e 12 (V5) mesi dalla vaccinazione. La cinetica della risposta anticorpale è stata esaminata utilizzando due tecniche sierologiche (IFAT e Speed ​​Leish K™).  Gli anticorpi IgG anti-Leishmania infantum sono stati determinati in 242 cani; 125 cani dopo la prima vaccinazione (gruppo P) e 117 cani dopo il richiamo annuale (gruppo B). Inoltre, 46, 22 e 19 cani sono stati seguiti per 2, 3 e 4 anni, rispettivamente.

Acromegaly in cats is a chronic problem 470x341L’obiettivo del presente studio era quello di descrivere il profilo endocrinologico, la sopravvivenza e il tasso di remissione dell'ipersomatotropismo e del diabete mellito in una coorte di gatti con ipersomatotropismo sottoposti a ipofisectomia transfenoidale tra il 2008 e il 2020.

Sono stati inclusi, in modo retrospettivo, 25 gatti di proprietà con ipersomatotropismo. La diagnosi si basava sulla presenza di segni clinici compatibili, sulla concentrazione plasmatica del fattore di crescita insulino simile (insulin-like growth factor-1, IGF-1) e sulla diagnostica per immagini della ghiandola ipofisaria. Le concentrazioni di ormone della crescita (growth hormone, GH) e IGF-1 sono state misurate ripetutamente dopo l'intervento chirurgico. I tempi di sopravvivenza sono stati calcolati sulla base delle informazioni di follow-up fornite dai proprietari e dai medici veterinari di riferimento.

Which Mushrooms Shouldnt You Feed Your Dog 1024x512 1L’obiettivo del presente studio era quello di descrivere i reperti dell’anamnesi e dell’esame fisico, le alterazioni clinico-patologiche, il trattamento e l’outcome di cani con tossicosi da α-amanitina conseguente all'ingestione di funghi contenenti questa tossina.

Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche di tutti i cani con tossicosi da α-amanitina afferenti presso un ospedale veterinario specialistico tra gennaio 2006 e luglio 2019. L’analisi delle cartelle cliniche ha permesso di ottenere i seguenti dati: segnalamento; peso corporeo; anamnesi; reperti dell'esame fisico inclusa la temperatura rettale alla presentazione; risultati del profilo biochimico, esame della coagulazione e un test per rilevare la presenza di α-amanitina nelle urine; trattamento; e outcome. Le differenze ottenute per ciascun parametro sono state, quindi, confrontate tra soggetti sopravvissuti e non sopravvissuti.

broiler barn Biofilm È stato ipotizzato che l’utilizzo di preparato fitobiotico contenente olio di cannella e acido citrico aggiunto all'acqua potabile dei polli possa influenzare positivamente la composizione del microbiota e la morfologia dell'intestino tenue, migliorando così l'immunità e le prestazioni di crescita senza indurre alterazioni metaboliche. Lo scopo di questo studio era quello di determinare il dosaggio e il tempo di somministrazione del suddetto preparato fitobiotico e stabilire il suo effetto benefico sull'istologia e sul microbiota intestinale, sulle performance produttive e sullo stato immunitario e metabolico dei polli da carne.

Lo studio è stato condotto su 980 polli maschi a partire da un giorno fino a 42 giorni di età. I polli sono stati suddivisi in sette gruppi sperimentali di 140 soggetti ciascuno. Il gruppo di controllo (G-C) non ha ricevuto il fitobiotico. I gruppi CT-0,05, CT-0,1 e CT-0,25 hanno ricevuto il fitobiotico nell’acqua potabile nella quantità di 0,05, 0,1 e 0,2 mL/L, rispettivamente, nei giorni 1-42 di vita (continuous application, CT). I soggetti dei gruppi PT-0,05, PT-0,5 e PT-0,25 hanno ricevuto il fitobiotico nelle stesse quantità, ma solo nei giorni 1-7, 15-21 e 29-35 di vita (periodic application, PT). In tutti i soggetti sono stati determinati i parametri antiossidanti e biochimici, dello stato immunitario e redox. Sono stati inoltre determinati la morfologia dell'epitelio intestinale, la composizione del microbiota e i parametri produttivi dei polli che ricevevano il fitobiotico nella loro acqua potabile.

SKIN US DogUn sistema di monitoraggio flash del glucosio (flash glucose monitoring system, FGMS) è stato validato per l'utilizzo nei cani diabetici. Tuttavia, non è noto se lo spessore della cute possa influenzare le misurazioni del FGMS. Lo scopo di questo studio era quello di valutare se l'accuratezza del FGMS è influenzata dallo spessore cutaneo in cani diabetici.

Sono stati inclusi nello studio, in modo prospettico, 14 cani diabetici di proprietà in trattamento con insulina. I cani sono stati divisi in due gruppi in base allo spessore della cute misurato ecograficamente: cani con spessore cutaneo <5 mm (Gruppo 1) e cani con spessore cutaneo >5 mm (Gruppo 2). Nei giorni 1, 7 e 14, sono state effettuate delle curve glicemiche, utilizzando simultaneamente il FGMS e un glucometro validato per l’uso nel cane. Le misurazioni in doppio sono state utilizzate per calcolare il bias medio e per determinare l'accuratezza secondo i criteri ISO 15197: 2013. Il bias medio è risultato essere inversamente correlato con lo spessore medio della cute (P = 0,02; r = -0,6). L'accuratezza clinica è stata osservata solo nel Gruppo 2, con il 99% dei risultati nella zona A + B della griglia di errore di Parkes.

CatLo scopo di questo studio era quello di valutare l'aptoglobina sierica come biomarker per differenziare tra linfoma intestinale a piccole cellule e malattia infiammatoria intestinale nel gatto.

Sono stati inclusi nello studio gatti domestici di proprietà con e senza sintomi gastroenterici cronici. I livelli sierici di aptoglobina sono stati misurati in ciascun paziente utilizzando il metodo ELISA. Nei gatti con sintomi gastroenterici, la valutazione istopatologica delle biopsie intestinali, ottenute per via endoscopica, è stata utilizzata per suddividerli nei gruppi: 1) malattia infiammatoria intestinale e 2) linfoma a piccole cellule. I livelli sierici di aptoglobina sono stati confrontati tra i tre gruppi: gatti con malattia infiammatoria intestinale, gatti con linfoma intestinale a piccole cellule e gatti sani.

Red Fox - Vulpes vulpes, sitting up at attention, direct eye contact, a little snow in its face, tree bokeh in backgroundL'urbanizzazione e l'invasione delle aree urbane da parte della fauna selvatica, così come le attività ricreative dell’uomo, creano diverse interfacce fauna selvatica-animale domestico-uomo, aumentando il rischio di spillover di parassiti (zoonotici) dai cicli silvestri a quelli domestici e sinantropici. Questo studio ha valutato la presenza di endo- ed ectoparassiti nei predatori selvatici più comuni della Germania settentrionale, con maggiore enfasi sui parassiti di interesse per la sanità pubblica.

Sono stati inclusi nello studio, tra Novembre 2013 e Gennaio 2016, 80 volpi rosse (Vulpes vulpes), 18 faine (Martes foina) e 9 cani procione (Nyctereutes procyonoides). Complessivamente, 79 (73,8%) dei predatori esaminati (n = 107) presentavano almeno un endoparassita. Gli endoparassiti più frequentemente rilevati nelle volpi rosse sono stati Toxocara canis (43,8%), Capillaria spp. (36,3%), Alaria alata (25,0%), Echinococcus multilocularis (26,3%) e Uncinaria stenocephala (25,0%). Inoltre, sono stati evidenziati: Toxascaris leonina, Trichuris vulpis, Taenia ssp., Mesocestoides spp. e oocisti di coccidi. La varietà di specie di endoparassiti rilevata nei cani procione era paragonabile a quella delle volpi rosse, mentre nelle faine è stata isolata soltanto Capillaria spp. I test per Trichinella spp. e Giardia spp. non hanno mostrato nessun risultato positivo. L’analisi degli ectoparassiti ha messo in evidenza delle infestazioni da parte di zecche del genere Ixodes e Dermacentor reticulatus. Gli acari del genere Demodex spp. sono stati osservati, mediante flottazione fecale, in una volpe rossa. Inoltre, nel pelo delle volpi rosse è stata rilevata la presenza di pulci (Archaeopsylla erinacei e Chaetopsylla globiceps). La frequenza di infestazione da ectoparassiti, nei predatori esaminati (n = 99), era del 19,2%.

labradoodle frankensteinL’obiettivo del presente studio era quello di stimare la frequenza, valutare l’approccio clinico e identificare i fattori di rischio per l’ipoadrenocorticismo canino nel Regno Unito.

Sono stati inclusi, in modo retrospettivo, cani con malattia preesistente o nuova diagnosi di ipoadrenocorticismo afferenti presso strutture veterinarie di assistenza primaria del Regno Unito nel 2016. I casi sono stati ulteriormente suddivisi in: 1) soggetti aventi una diagnosi confermata tramite reperti laboratoristici e 2) soggetti con presunta diagnosi di ipoadrenocorticismo sulla base delle informazioni registrate nelle cartelle cliniche. Per identificare i fattori di rischio demografici è stata utilizzata un’analisi di regressione logistica multivariata.

FICLo scopo di questo studio era quello di valutare la frequenza di recidiva a lungo termine e il tasso di mortalità nei gatti con diagnosi di cistite idiopatica felina (feline idiopathic cystitis, FIC), con un periodo minimo di osservazione di 10 anni o fino al decesso dell’animale.

Sono stati registrati, tramite interviste telefoniche con i proprietari, i dati riguardanti la recidiva di segni clinici compatibili con una patologia delle basse vie urinarie (feline lower urinary tract disease, FLUTD) e la mortalità correlata a FLUTD nei gatti con diagnosi di FIC tra il 2003 e il 2009. Le interviste telefoniche sono state effettuate sulla base di un questionario standardizzato. Nel caso di recidive, è stato registrato il numero esatto o stimato (1-3, 4-6 o >6 recidive).

clydesdale horse pictures 850x550La dimetilarginina simmetrica (SDMA) è considerata una stima indiretta della velocità di filtrazione glomerulare (GFR) più sensibile rispetto alla creatinina (Cr). La SDMA, inoltre, non è influenzata dal sesso o dalla massa muscolare nei piccoli animali. L’obiettivo del presente studio era quello di validare un dosaggio immunologico (immunoassay, IA) disponibile in commercio per la misurazione della SDMA nel siero equino; confrontare SDMA e Cr in diverse razze di cavalli da tiro; e valutare gli effetti di età, sesso e razza.

In questo studio trasversale sono stati inclusi 165 cavalli da tiro sani (eta compresa tra 0,5 e 16 anni), inclusi 63 Percheron, 52 Clydesdale e 50 Belga da tiro. La SDMA IA è stata validata per il siero equino confrontandola con i risultati della cromatografia liquida-spettroscopia di massa (LC-MS) e di altri metodi. SDMA e Cr sono stati confrontati mediante analisi della varianza e correlazione.

Pagina 10 di 20

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares