Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7192 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Tardo Antonio Maria

Tardo Antonio Maria

Giovedì, 04 Marzo 2021 10:57

Malattie trasmesse da vettori nel gatto

mosquito cat nose.jpg 800x500 q90 crop subject location 570250 subsampling 2Gli artropodi vettori possono trasmettere agenti patogeni parassitari, batterici o virali agli animali domestici e alla fauna selvatica. Le malattie trasmesse da vettori stanno acquisendo importanza a causa dell'aumento dei viaggi, dell'importazione di animali domestici dall'estero e del cambiamento climatico in Europa. L'obiettivo principale di questo studio era quello di valutare la percentuale di gatti, residenti in Germania, con risultati positivi ai test per patogeni trasmessi da vettori ed indagare qualsiasi possibile associazione di questi risultati con il tempo trascorso all'estero.

Questo studio retrospettivo include i risultati dei test dei gatti inclusi nel "Feline Travel Profile" condotto in Germania tra aprile 2012 e marzo 2020. Questo pannello diagnostico includeva la rilevazione diretta di Hepatozoon spp. e Dirofilaria spp. tramite PCR e il test IFAT per Ehrlichia spp. e Leishmania spp. A partire da luglio 2015, Il pannello è stato ampliato con aggiunta di IFAT per Rickettsia spp.

urinejpgGli obiettivi del presente studio erano quelli di caratterizzare la batteriuria subclinica (subclinical bacteriuria, SB) e la cistite batterica sporadica (sporadic bacterial cystitis, SBC) nei cani con ipercortisolismo (hypercortisolism, HC).

In questo studio osservazionale trasversale, condotto in modo prospettico, i pazienti sono stati suddivisi in quattro gruppi: cani nuova diagnosi di HC (n = 27), cani con HC scarsamente controllato (n = 21), cani con HC ben controllato (n = 34) e gruppo di controllo (n = 19). I risultati positivi dell'urinocoltura sono stati identificati mediante analisi MALDI-TOF e sottoposti ad antibiogramma.

wild boar family killed rome kids playgroundLe attività di caccia sono un potenziale fattore di rischio per l'infezione da Leptospira spp. nell’uomo e, sebbene sia stata studiata la sieroprevalenza nel cinghiale, non sono mai state effettuate delle indagini sierologiche simultanee in cinghiali, cani da caccia e cacciatori. Lo scopo del presente era quella di valutare la prevalenza di anticorpi anti-Leptospira spp. in cinghiali, cani da caccia e cacciatori e identificare i fattori di rischio associati all'esposizione nel Brasile meridionale e centro-occidentale.

La diagnosi sierologica è stata ottenuta tramite utilizzo del test di microagglutinazione (microscopic agglutination test, MAT), in grado di rilevare anticorpi specifici nei confronti di 30 sierotipi.

ProP Cystocentesis Ultrasound Step 2A 0L’obiettivo del presente studio era quello di indagare se la cistocentesi decompressiva (decompressive cystocentesis, DC) fosse in grado di facilitare il cateterismo uretrale (urethral catheterization, UC) nei gatti con ostruzione uretrale (urethral obstruction, UO).

Sono stati inclusi nello studio 88 gatti maschi con ostruzione uretrale. I soggetti sono stati divisi in due gruppi in modo casuale: 1) gatti in cui veniva effettuata la DC prima della UC (gruppo DC; n = 44) e 2) gatti in cui veniva effettuato solo UC (gruppo UC; n = 44). La presenza di versamento addominale è stata monitorata mediante valutazioni ecografiche seriali della vescica urinaria prima di DC/UC o prima di UC (gatti del gruppo DC e UC, rispettivamente), immediatamente dopo UC e 4 ore dopo UC. È stato, quindi, assegnato un punteggio in base alla presenza o meno di versamento addominale che variava da 0 (nessun versamento) a 16 (versamento grave). Una variazione negativa del punteggio del versamento addominale indicava una diminuzione della quantità di versamento e una variazione positiva indicava un aumento della quantità di versamento. Sono stati registrati la facilità di UC (punteggio, da 0 = passaggio facile a 4 = impossibilità di passare]), il tempo per posizionare il catetere urinario e gli eventi avversi.

dog injecting by vet doctorLa prevenzione della leishmaniosi canina nei soggetti sani richiede un approccio multimodale che prevede la combinazione di prodotti repellenti specifici con un vaccino efficace. È disponibile in Europa dal 2012 un vaccino che modula la risposta immunitaria cellulo-mediata contro il protozoo (CaniLeish®). Lo scopo del presente studio era quello di monitorare i cani vaccinati con CaniLeish® per esaminare la cinetica della risposta anticorpale e valutare la sicurezza e la tolleranza di questo vaccino.

I cani vaccinati con CaniLeish® sono stati monitorati per 12 mesi a partire dalla data della prima vaccinazione o del richiamo annuale (Visita 1, V1) e successivamente dopo 1 (V2), 4 (V3), 8 (V4) e 12 (V5) mesi dalla vaccinazione. La cinetica della risposta anticorpale è stata esaminata utilizzando due tecniche sierologiche (IFAT e Speed ​​Leish K™).  Gli anticorpi IgG anti-Leishmania infantum sono stati determinati in 242 cani; 125 cani dopo la prima vaccinazione (gruppo P) e 117 cani dopo il richiamo annuale (gruppo B). Inoltre, 46, 22 e 19 cani sono stati seguiti per 2, 3 e 4 anni, rispettivamente.

Acromegaly in cats is a chronic problem 470x341L’obiettivo del presente studio era quello di descrivere il profilo endocrinologico, la sopravvivenza e il tasso di remissione dell'ipersomatotropismo e del diabete mellito in una coorte di gatti con ipersomatotropismo sottoposti a ipofisectomia transfenoidale tra il 2008 e il 2020.

Sono stati inclusi, in modo retrospettivo, 25 gatti di proprietà con ipersomatotropismo. La diagnosi si basava sulla presenza di segni clinici compatibili, sulla concentrazione plasmatica del fattore di crescita insulino simile (insulin-like growth factor-1, IGF-1) e sulla diagnostica per immagini della ghiandola ipofisaria. Le concentrazioni di ormone della crescita (growth hormone, GH) e IGF-1 sono state misurate ripetutamente dopo l'intervento chirurgico. I tempi di sopravvivenza sono stati calcolati sulla base delle informazioni di follow-up fornite dai proprietari e dai medici veterinari di riferimento.

Which Mushrooms Shouldnt You Feed Your Dog 1024x512 1L’obiettivo del presente studio era quello di descrivere i reperti dell’anamnesi e dell’esame fisico, le alterazioni clinico-patologiche, il trattamento e l’outcome di cani con tossicosi da α-amanitina conseguente all'ingestione di funghi contenenti questa tossina.

Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche di tutti i cani con tossicosi da α-amanitina afferenti presso un ospedale veterinario specialistico tra gennaio 2006 e luglio 2019. L’analisi delle cartelle cliniche ha permesso di ottenere i seguenti dati: segnalamento; peso corporeo; anamnesi; reperti dell'esame fisico inclusa la temperatura rettale alla presentazione; risultati del profilo biochimico, esame della coagulazione e un test per rilevare la presenza di α-amanitina nelle urine; trattamento; e outcome. Le differenze ottenute per ciascun parametro sono state, quindi, confrontate tra soggetti sopravvissuti e non sopravvissuti.

broiler barn Biofilm È stato ipotizzato che l’utilizzo di preparato fitobiotico contenente olio di cannella e acido citrico aggiunto all'acqua potabile dei polli possa influenzare positivamente la composizione del microbiota e la morfologia dell'intestino tenue, migliorando così l'immunità e le prestazioni di crescita senza indurre alterazioni metaboliche. Lo scopo di questo studio era quello di determinare il dosaggio e il tempo di somministrazione del suddetto preparato fitobiotico e stabilire il suo effetto benefico sull'istologia e sul microbiota intestinale, sulle performance produttive e sullo stato immunitario e metabolico dei polli da carne.

Lo studio è stato condotto su 980 polli maschi a partire da un giorno fino a 42 giorni di età. I polli sono stati suddivisi in sette gruppi sperimentali di 140 soggetti ciascuno. Il gruppo di controllo (G-C) non ha ricevuto il fitobiotico. I gruppi CT-0,05, CT-0,1 e CT-0,25 hanno ricevuto il fitobiotico nell’acqua potabile nella quantità di 0,05, 0,1 e 0,2 mL/L, rispettivamente, nei giorni 1-42 di vita (continuous application, CT). I soggetti dei gruppi PT-0,05, PT-0,5 e PT-0,25 hanno ricevuto il fitobiotico nelle stesse quantità, ma solo nei giorni 1-7, 15-21 e 29-35 di vita (periodic application, PT). In tutti i soggetti sono stati determinati i parametri antiossidanti e biochimici, dello stato immunitario e redox. Sono stati inoltre determinati la morfologia dell'epitelio intestinale, la composizione del microbiota e i parametri produttivi dei polli che ricevevano il fitobiotico nella loro acqua potabile.

SKIN US DogUn sistema di monitoraggio flash del glucosio (flash glucose monitoring system, FGMS) è stato validato per l'utilizzo nei cani diabetici. Tuttavia, non è noto se lo spessore della cute possa influenzare le misurazioni del FGMS. Lo scopo di questo studio era quello di valutare se l'accuratezza del FGMS è influenzata dallo spessore cutaneo in cani diabetici.

Sono stati inclusi nello studio, in modo prospettico, 14 cani diabetici di proprietà in trattamento con insulina. I cani sono stati divisi in due gruppi in base allo spessore della cute misurato ecograficamente: cani con spessore cutaneo <5 mm (Gruppo 1) e cani con spessore cutaneo >5 mm (Gruppo 2). Nei giorni 1, 7 e 14, sono state effettuate delle curve glicemiche, utilizzando simultaneamente il FGMS e un glucometro validato per l’uso nel cane. Le misurazioni in doppio sono state utilizzate per calcolare il bias medio e per determinare l'accuratezza secondo i criteri ISO 15197: 2013. Il bias medio è risultato essere inversamente correlato con lo spessore medio della cute (P = 0,02; r = -0,6). L'accuratezza clinica è stata osservata solo nel Gruppo 2, con il 99% dei risultati nella zona A + B della griglia di errore di Parkes.

CatLo scopo di questo studio era quello di valutare l'aptoglobina sierica come biomarker per differenziare tra linfoma intestinale a piccole cellule e malattia infiammatoria intestinale nel gatto.

Sono stati inclusi nello studio gatti domestici di proprietà con e senza sintomi gastroenterici cronici. I livelli sierici di aptoglobina sono stati misurati in ciascun paziente utilizzando il metodo ELISA. Nei gatti con sintomi gastroenterici, la valutazione istopatologica delle biopsie intestinali, ottenute per via endoscopica, è stata utilizzata per suddividerli nei gruppi: 1) malattia infiammatoria intestinale e 2) linfoma a piccole cellule. I livelli sierici di aptoglobina sono stati confrontati tra i tre gruppi: gatti con malattia infiammatoria intestinale, gatti con linfoma intestinale a piccole cellule e gatti sani.

Pagina 3 di 14

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.