Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7087 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Tardo Antonio Maria

Tardo Antonio Maria

Pancreas US dogL’esame ecografico addominale (Abdominal ultrasound examinations, AUE) è comunemente utilizzato nella valutazione diagnostica della pancreatite acuta (acute pancreatitis, AP) nel cane. Lo scopo di questo studio retrospettivo era quello di valutare e monitorare i cambiamenti ecografici osservati nei cani con sospetto clinico di AP tramite utilizzo di AUEs consecutivi.

La popolazione di studio era costituita da 38 cani di proprietà ospedalizzati per un periodo di tempo non inferiore a 48 ore tra gennaio 2016 e dicembre 2019. Il sospetto di AP veniva formulato sulla base dell'esame clinico e tramite esecuzione del test rapido per la lipasi pancreatica specifica canina, eseguito all'ammissione in clinica. I cani inclusi sono stati sottoposti a due AUE: la prima ecografia addominale era effettuata il primo giorno di ricovero; la seconda, invece, tra le 40 e le 52 ore dopo la prima.

US Lambs LiverLa cisticercosi causata da cysticercus tenuicollis è un'infezione da metacestodi che colpisce diverse specie di ungulati. Essa è causata dallo stadio larvale di Taenia hydatigena, una tenia intestinale nei cani e nei canidi selvatici. Nell'ospite intermedio, i cisticerchi maturi si trovano solitamente nell'omento, nel mesentere e nel peritoneo, e meno frequentemente nella pleura e nel pericardio. Le larve migratrici si trovano principalmente nel parenchima epatico, causando epatite traumatica negli animali giovani. La maggior parte delle infezioni sono croniche e asintomatiche e vengono diagnosticate al macello. La forma acuta dell’infezione è poco comune negli ovini e le segnalazioni di morte negli agnelli sono rare.

Nel marzo 2018, quindici agnelli presentavano anoressia, debolezza, letargia e sono deceduti in seguito a cisticercosi viscerale acuta. Dodici di questi soggetti sono stati sottoposti ad esame ecografico del fegato. Le valutazioni ecografiche sono state eseguite con gli animali in stazione o in decubito laterale sinistro.

natural born rat killers the ferretL’obiettivo di questo studio era quello di determinare gli intervalli di riferimento per i parametri di laboratorio di un emogasanalizzatore nei furetti.

I campioni ematici sono stati collezionati da 40 furetti clinicamente sani, di età compresa tra 1 e 5 anni (28 maschi castrati, 12 femmine sterilizzate). I parametri sono stati misurati utilizzando sangue intero e includevano parametri ematologici (ematocrito, emoglobina), biochimici (lattato, glucosio, Na+, K+, iCa++, iMg++, Cl-, urea, creatinina, tCO2, anion gap) e valori dell’emogasanalisi (pH, PCO2, PO2, SO2%, BEecf, BEb, HCO3−). Sono stati stabiliti gli intervalli di riferimento di laboratorio per 20 valori ematologici, biochimici e dell’emogasanalisi.

cat medicine vetLo scopo di questo studio era quello di valutare l'efficacia e la tollerabilità della chemioterapia con lomustina, metotrexato e citarabina come trattamento rescue per il linfoma nel gatto.

Sono state esaminate, in maniera retrospettiva, le cartelle cliniche di 13 gatti trattati, tra il 2013 e il 2018, con lomustina, metotrexato e citarabina per linfoma felino ad alto grado recidivante. I dati sono stati analizzati utilizzando statistiche descrittive.

Cat Vestibular signLo scopo di questo studio era quello di valutare se i reperti dell’anamnesi, della presentazione clinica, e dell’esame fisico e neurologico dei gatti con sindrome vestibolare fossero statisticamente predittivi della diagnosi sottostante.

Sono stati inclusi, in maniera retrospettiva, 174 gatti con sindrome vestibolare tra gennaio 2010 e maggio 2019. Per valutare l’associazione tra le variabili cliniche e la diagnosi è stata effettuata un'analisi statistica univariata; le variabili cliniche statisticamente associate alla diagnosi sono state quindi analizzate tramite un’analisi multivariata.

stop bleeding dogs e1554490721649Sia in medicina umana che veterinaria, è ormai noto che il plasma ricco di piastrine (PRP) svolge un ruolo cruciale nella guarigione delle ferite cutanee. Sorprendentemente, fino ad ora, nessuno studio ha descritto l’utilizzo del PRP per il trattamento delle ferite cutanee subacute a tutto spessore del cane. Lo scopo di questo studio era quello di valutare gli effetti di due applicazioni consecutive di PRP autologo, con la seconda applicazione dopo 15 giorni, in 6 cani che presentavano ferite cutanee subacute di grandi dimensioni.

La percentuale di contrazione, riepitelizzazione e guarigione in tutti i pazienti trattati ha indicato che non si sono verificate complicazioni o effetti collaterali, associati al trattamento con PRP, in nessun paziente; tutte le ferite hanno raggiunto la completa chiusura e riepitelizzazione.

Dog IM insulinL'impiego di analoghi insulinici ad azione rapida tramite vie di somministrazione diverse dalla EV non è mai stato descritto per il trattamento di cani con chetoacidosi diabetica (DKA). L’obiettivo di questo studio era quello di valutare l'efficacia e la sicurezza di un nuovo protocollo basato sulla somministrazione intramuscolare di insulina lispro per il trattamento della DKA nel cane.

Sono stati inclusi 24 cani di proprietà con diagnosi di DKA. I cani trattati con insulina lispro IM (Gruppo L, n = 11) hanno ricevuto una dose di 0,25 U/kg. L'obiettivo era quello di ottenere un calo di almeno il 10% della glicemia tra 1 ora e quella successiva. Se questo obiettivo non fosse stato raggiunto, la stessa dose di insulina sarebbe stata ripetuta ogni ora; in caso contrario la dose di insulina non veniva ripetuta fino ad un massimo di 3 h, dopodiché la somministrazione di insulina veniva comunque ripetuta. Quando il valore della glicemia risultava essere ≤250 mg/dL, la dose di insulina era ridotta a 0,125 U/kg IM ogni 3 h. I cani del gruppo di controllo sono stati trattati, invece, con infusione continua (continuous rate infusion, CRI) di insulina regolare (Gruppo R, n = 13) secondo un protocollo pubblicato in letteratura.

Venerdì, 13 Novembre 2020 11:42

Artrite settica nel puledro

A young foal of a dark brown color grazes on a green meadow against a background of a young forest in the rays of the setting sun in the Caucasus.In letteratura sono presenti informazioni limitate riguardo i fattori associati alla sopravvivenza e sulle performance di gara a lungo termine nei puledri purosangue trattati per l'artrite settica. L’obiettivo di questo studio era quello di indagare i fattori associati alla sopravvivenza e analizzare le performance di gara dei puledri con artrite settica rispetto a puledri sani nati dalla stessa fattrice.

Sono state esaminate, in maniera retrospettiva, le cartelle cliniche di puledri purosangue di età ≤180 giorni che erano stati sottoposti a lavaggio artroscopico per il trattamento dell’artrite settica tra il 2009 e il 2015. È stata utilizzata un'analisi di regressione logistica per determinare i fattori associati alla sopravvivenza o alle performance di gara. Sono stati, quindi, confrontati i dati tra i puledri trattati per l'artrite settica e i puledri sani nati dalla stessa fattrice.

pig shutterstock 690950032 LR 0La malattia vescicolare dei suini (Swine vesicular disease, SVD) è una malattia virale contagiosa dei suini clinicamente indistinguibile da altre malattie vescicolari, come l'afta epizootica, la stomatite vescicolare, l'esantema vescicolare dei suini e la malattia vescicolare idiopatica. In Italia, dove la SVD è stata segnalata per la prima volta nel 1966, nel 1995 è stato avviato un programma di eradicazione. Il programma, aggiornato nel 2008, si basava sulla regionalizzazione, il controllo completo dei movimenti dei suini, il miglioramento della biosicurezza degli allevamenti suini, appropriate procedure di pulizia e disinfezione dei veicoli approvati per il trasporto di suini e un programma di sorveglianza attivo basato sull’esecuzione di test sierologici e virologici. In caso di infezione confermata da virus SVD, veniva applicata una politica di stamping-out. Nel periodo dal 2009 al 2019, ogni anno sono stati testati sierologicamente tra 300.000 e 400.000 suini. L'ultimo focolaio di SVD è stato notificato nel 2015 e l'ultimo suino sieropositivo è stato rilevato nel 2017. Il programma di sorveglianza contro SVD è ancora in corso e finora non è stata rilevata alcuna prova dell'attività del virus. Tutti i dati disponibili supportano l'eradicazione completa del virus SVD dall'industria suinicola italiana.

“Eradication of Swine Vesicular Disease in Italy” Marco Tamba, et al. Viruses. 2020 Nov 7;12(11):E1269. doi: 10.3390/v12111269.

EagleL’esame radiografico del torace è un importante strumento diagnostico per valutare la dimensione cardiaca nei pazienti aviari. L'aquila di mare testabianca (Haliaeetus leucocephalis), un tempo nella lista delle specie a rischio di estinzione, è ora una specie in crescita negli Stati Uniti. Tuttavia, sono presenti in letteratura poche informazioni riguardo i valori di riferimento radiografici della silhouette cardiaca nell'aquila di mare testabianca per l'utilizzo nella valutazione di patologie cardiache in questa specie. L’obiettivo di questo studio era quello di stabilire dei valori di riferimento della dimensione cardiaca nell'aquila di mare testabianca.

Sono stati inclusi nello studio 9 soggetti sani residenti presso un centro di riabilitazione di rapaci. L’esame radiografico del torace è stato eseguito in proiezione ventrodorsale. Sono state misurati i seguenti parametri: larghezza della silhouette cardiaca, larghezza del torace, larghezza dello sterno, larghezza della silhouette epatica e larghezza del coracoide. È stato quindi calcolato il rapporto tra le dimensioni della silhouette cardiaca e quelle delle altre strutture.

Pagina 3 di 8

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.