Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7430 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Blood pressure CATLa malattia renale cronica (chronic kidney disease, CKD) è una patologia molto diffusa nei gatti anziani. La CKD viene spesso diagnosticata in associazione con l'ipertensione sistemica e le due condizioni patologiche hanno una relazione causa-effetto. Il danno ipertensivo agli organi bersaglio (target organ damage, TOD) come occhi, encefalo, cuore e reni, ha un impatto significativo sul benessere dei gatti che presentano questa comorbidità. L'ipertensione ha un impatto anche sulla proteinuria, che è un fattore di rischio indipendente per la progressione e la mortalità nei gatti con CKD. Il monitoraggio della pressione arteriosa e l'introduzione di un trattamento antipertensivo, ove indicato, sono quindi cruciali per una gestione ottimale del paziente felino con CKD. Le attuali linee guida raccomandano una pressione sistolica target <160 mmHg per ridurre al minimo il rischio di TOD. Sia l'amlodipina che il telmisartan sono farmaci antipertensivi efficaci per l'uso in questi pazienti.

I segni clinici di ipertensione potrebbero non essere notati dal proprietario del gatto fino a quando non è presente un TOD grave. Nonostante ciò, il monitoraggio della pressione sistemica nei gatti con CKD è ancora effettuato con scarsa frequenza e l'ipertensione risulta probabilmente sottodiagnosticata.

eight col cowsSia la tubercolosi bovina (bovine tuberculosis, BTB) che la paratubercolosi (paratuberculosis, paraTB) continuano a causare ingenti perdite economiche nell'allevamento bovino; inoltre, i loro agenti eziologici hanno un potenziale zoonotico. Sebbene i metodi diagnostici per entrambe le malattie siano in progressivo miglioramento, persistono ancora problemi, come la potenziale cross-reattività agli antigeni utilizzati nei test. Lo scopo del presente studio era quello di valutare se gli animali con anticorpi nei confronti di Mycobacterium bovis possano avere un rischio maggiore di ottenere dei risultati positivi nel test sierologico per la paraTB; un ulteriore obiettivo era quello di valutare l'accuratezza di tre metodi comunemente usati per confermare l'infezione da M. bovis: ELISA, il test cutaneo della tubercolina (tuberculin skin test, TST) e la presenza di lesioni macroscopiche.

Sono state incluse nello studio 98 vacche da latte con sospetto di BTB (risultato positivo al TST). Le lesioni macroscopiche sono state valutate visivamente durante l'esame post mortem. Sono stati collezionati campioni di sangue, linfonodi e altri organi con sospette lesioni da TB. I campioni di sangue ottenuti sono stati testati sierologicamente per TB e paraTB. I tessuti campionati sono stati sottoposti a test microbiologici standard per M. tuberculosis complex (MTBC). Tra i 98 individui TST-positivi, sono state rilevate lesioni macroscopiche da TB in 57 (58,1%) bovini; MTBC è stato isolato in 83 casi (84,7%) e il test ELISA è risultato positivo in 21 (21,4%) bovini. Non sono state rilevate lesioni caratteristiche per paraTB. La possibilità di ottenere un risultato TB positivo mediante ELISA era sette volte superiore utilizzando il metodo ELISA-paraTB.

Cushing dogIl trilostano è il trattamento medico raccomandato per i cani con iperadrenocorticismo (hyperadrenocorticicm, HAC). L'obiettivo di questo studio era quello di indagare l'associazione tra i risultati del test di stimolazione con ACTH (ACTH stimulation test, ACTHST) e i segni clinici nei cani con HAC in terapia con trilostano.

I segni clinici sono stati registrati tramite l’utilizzo di un questionario specifico per la patologia; quest’ultimo includeva la percezione dei segni clinici (polidipsia, poliuria, polifagia, respiro affannoso) da parte del proprietario e la soddisfazione per il trattamento. I cani sono stati raggruppati in base al follow-up (primo controllo, 7 – 10 giorni dopo l'inizio del trattamento o dopo modifica della dose di trilostano; secondo controllo, 4 settimane dopo il primo controllo; terzo controllo, eseguito a intervalli di 3-6 mesi non appena era stato raggiunto un buon controllo della patologia). All'appuntamento di follow-up, sono state registrate le risposte del proprietario al questionario del ed è stato effettuato un ACTHST, insieme alla misurazione del peso specifico delle urine. È stato utilizzato un modello lineare a effetti misti per valutare le differenze tra le variabili ottenute nei diversi follow-up e per valutare possibili associazioni tra i risultati dell'ACTHST e i segni clinici.

Focal Seizures in Cats Causes and TreatmentsIl fenobarbitale (Phenobarbital, PB) è il farmaco antiepilettico (antiseizure drug, ASD) più comunemente utilizzato per il trattamento dell'epilessia felina. Nel cane, è noto che il PB provoca induzione degli enzimi epatici ed epatotossicità, specialmente dopo somministrazione a lungo termine o ad alte concentrazioni. Nel gatto non sono disponibili studi che permettano di trarre delle conclusioni simili. Lo scopo di questo studio era quello di valutare l'effetto della somministrazione di PB sui parametri del profilo biochimico sierico nei gatti con epilessia. Un ulteriore obiettivo era quello di registrare altri effetti avversi correlati al trattamento con PB.

Sono state esaminate retrospettivamente le cartelle cliniche di quattro centri veterinari. I gatti sono stati inclusi se avevano una diagnosi di epilessia idiopatica o strutturale; un normale profilo biochimico sierico di base; almeno un profilo biochimico sierico di follow-up; nessuna malattia concomitante e non avevano ricevuto farmaci che possono influenzare la funzione epatica o determinare induzione enzimatica. Sono stati collezionati i seguenti parametri (prima e durante la somministrazione di PB): fosfatasi alcalina, alanina aminotransferasi (ALT), aspartato aminotransferasi, gamma-glutamil transferasi, bilirubina totale, acidi biliari, glucosio, albumine, proteine ​​totali, urea e creatinina. Quando disponibile, è stata registrata anche la concentrazione sierica di PB.

Pagina 6 di 6

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares