Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7610 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Giovedì, 03 Marzo 2022 13:14

Infezione da FIV nelle tigri siberiane

Siberian tiger panthera tigris altaica mammalia carnivora felidaIl virus dell'immunodeficienza felina (Feline immunodeficiency virus, FIV) è in grado di infettare più di 20 tipi di felini e rappresenta una seria minaccia per la loro salute. Tuttavia, pochi studi hanno valutato la presenza di FIV nelle tigri.

In questo studio, 320 tigri siberiane in cattività sono state testate per la FIV mediante nested PCR e tre tigri siberiane sono risultate positive alla FIV (5,45%). Da questi tre animali, frammenti del gene FIV, gag-p26 (444 nt) dai campioni HD094 e HD1786 e pol-RT (576 nt) e pol-RNasi (730 nt) dal campione HD631, sono stati sequenziati ed è stato evidenziato che questi ultimi condividevano più del 99% di sequenza genica con FIV sottotipo A dei gatti domestici.

interstitial cystitis dogs 1La ciclofosfamide è un chemioterapico comunemente usato nel trattamento del linfoma. Questo farmaco può causare cistite emorragica sterile (sterile hemorrhagic cystitis, SHC) e la furosemide viene utilizzata per ridurre l'incidenza di SHC. Lo scopo di questo studio era quello di valutare l'incidenza di SHC nei cani trattati con una dose massima tollerata di ciclofosfamide orale in associazione a furosemide orale alla dose di 1 mg/kg.

Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche per determinare l'incidenza di SHC, la dose e il numero di trattamenti orali con ciclofosfamide e la dose di furosemide. Inoltre, sono stati registrati ulteriori effetti collaterali associati al trattamento con ciclofosfamide.

FLUTD Feline Lower Urinary Tract DiseaseL’ostruzione del tratto urinario inferiore (Feline obstructive disease of the lower urinary tract, FLUTD) è una condizione patologica comune nel gatto. Quest’ultima può essere causata da un'infiammazione sterile, che determina danno renale acuto, alterazioni elettrolitiche e squilibrio acido-base. Le proteine ​​di fase acuta (Acute-phase proteins, APP) sono biomarker di danno tissutale causato dall'infiammazione che possono aiutano a monitorare il trattamento e determinare la prognosi. L’obiettivo di questo studio era quello di determinare le concentrazioni plasmatiche di fibrinogeno e le concentrazioni sieriche di amiloide sierica A (serum amyloid A, SAA), alfa-1-glicoproteina acida (alpha-1-acid glycoprotein, AGP) e albumina nei gatti con FLUTD.

Sono stati inclusi 25 gatti maschi divisi in due gruppi: 8 gatti sani nel gruppo di controllo (CG) e 17 gatti con FLUTD nel gruppo ostruzione (OG). Le misurazioni delle APP sono state effettuate utilizzando un kit ELISA. Nei gatti del gruppo OG, i campioni ematici sono stati collezionati alla diagnosi (H0) e dopo 12 (H12), 24 (H24) e 48 (H48) ore dalla disostruzione. I campioni sono stati collezionati soltanto una volta nei gatti del gruppo CG.

Horse Drinking WaterI cavalli perdono elevate quantità di Na a causa dell’eccessiva sudorazione. Queste perdite di liquidi spesso non possono essere completamente sostituite dall'assunzione volontaria di acqua e richiedono l’utilizzo di soluzioni saline come terapia di reidratazione per ripristinare l'equilibrio elettrolitico. L’obiettivo di questo studio era quello di valutare la sensibilità e la tolleranza dei pony Shetland alle variazioni della concentrazione di Na nell'acqua di abbeverata.

Lo studio prevedeva tre fasi: (1) controllo: fornita solo acqua dolce; (2) test di preferenza a coppie: scelta tra acqua dolce e soluzione salina con concentrazione variabile di NaCl (0,25%, 0,5%, 0,75%, 1,0%, 1,25% o 1,5%); e (3) test a scelta libera: forniti contemporaneamente sei contenitori di acqua contenenti concentrazioni di NaCl 0%, 0,25%, 0,5%, 0,75%, 1,0% o 1,25%.

laparoscopic surgeryL’obiettivo del presente studio era quello di descrivere la tecnica, le complicanze e l'outcome dell'attenuazione dello shunt portosistemico per via laparoscopica (laparoscopic portosystemic shunt attenuation, LPSSA) nel cane.

Sono stati inclusi, in modo retrospettivo 20 cani di proprietà. Sono state valutate le cartelle cliniche dei cani con un singolo shunt portosistemico extraepatico congenito (congenital extrahepatic portosystemic shunt, CEPSS) trattato con LPSSA. Sono stati i registrati i seguenti dati: ​​segnalamento, segni clinici, posizione del CEPSS, diagnostica per immagini, approccio laparoscopico, tecnica operatoria, complicanze e outcome clinico.

SRBT GattoNon sono presenti in letteratura degli studi che abbiano descritto la sicurezza e l'efficacia della radioterapia stereotassica (stereotactic body radiation therapy, SBRT) nel trattamento del linfoma nasale nel gatto. L’ipotesi di questo studio era che la radioterapia stereotassica, con o senza chemioterapia adiuvante, possa rappresentare un trattamento efficace e ben tollerato nei gatti con linfoma nasale.

Sono stati inclusi nello studio 32 gatti di proprietà afferenti presso la Colorado State University per il trattamento del linfoma nasale. Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche dei gatti trattati con SBRT tra il 2010 e il 2020. La diagnosi di linfoma nasale è stata ottenuta tramite citologia o istopatologia. Sono stati registrati il ​​segnalamento, il protocollo di SBRT, i trattamenti simultanei, gli effetti avversi e la sopravvivenza.

001 995 IMG dagCopyofjws194583 003 848x565Le aflatossine e i relativi metaboliti hanno un impatto negativo sulla salute e sulla produzione dei ruminanti. Lo scopo del presente studio era quello di determinare l'effetto delle aflatossine sulla fermentazione ruminale, valutando la correlazione tra l'escrezione dell'aflatossina M1 (AFM1) nel latte e gli indicatori della fermentazione ruminale nei bovini da latte.

Gli indicatori di fermentazione ruminale sono stati correlati con la concentrazione di AFM1 nel latte di 120 bovini (82 vacche e 38 bufale). L'AFM1 nei campioni di latte (n = 120) è stata quantificata mediante kit ELISA.

The dog sniffs african achatina snails outdoorsL'angiostrongilosi è una malattia parassitaria emergente nel cane che spesso causa iperglobulinemia policlonale. Nell'esperienza degli autori di questo studio, un tipico pattern elettroforetico nei cani con angiostrongilosi è quello caratterizzato da un picco beta-2 ampio e simmetrico. Lo scopo di questo studio era quello di valutare la frequenza di questo pattern elettroforetico nei cani con infezione da Angiostrongylus vasorum.

L’elettroforesi capillare (capillary zone electrophoreses, CZE) delle proteine ​​sieriche dei cani con angiostrongilosi sono state assegnate al Gruppo 1. Il pattern CZE è stato classificato come normale, policlonale non specifico o policlonale con un tipico picco beta-2. La frequenza di quest'ultimo pattern nel Gruppo 1 è stata confrontata con la frequenza ottenuta in un secondo gruppo di sieri canini selezionati casualmente (Gruppo 2).

cat and dog topQueste linee guida aggiornate presentano un approccio pratico e logico alla valutazione e alla gestione del dolore acuto e cronico nel cane e nel gatto. Per ottenere il successo terapeutico è fondamentale saper riconoscere il dolore; in questo studio sono stati prodotti degli algoritmi per la valutazione del dolore sia acuto che cronico. In particolare, per il dolore cronico è importante la valutazione del proprietario; per questo sono stati descritti gli strumenti di valutazione del dolore utili per i proprietari di animali domestici. Le linee guida discutono le opzioni di trattamento incentrate su terapie analgesiche preventive e multimodali. Esiste un'ampia varietà di opzioni terapeutiche farmacologiche e non farmacologiche per la gestione del dolore acuto e cronico nel cane e nel gatto. Le linee guida includono un algoritmo decisionale a più livelli che dà priorità all'uso delle modalità terapeutiche più efficaci per il trattamento del dolore acuto e cronico.

“2022 AAHA Pain Management Guidelines for Dogs and Cats” Margaret E Gruen, et al. J Am Anim Hosp Assoc. 2022 Mar 1;58(2):55-76. doi: 10.5326/JAAHA-MS-7292.

b7a97144 71b0 460e 9200 d7a784f31020I Serpentoviruses (ordine Nidovirales) sono un'importante causa di malattie respiratorie nei serpenti. Sebbene gli studi sulla trasmissione abbiano dimostrato che i serpentoviruses possono causare malattie respiratorie nei pitoni, non è ancora chiaro il ruolo potenziale di agenti patogeni concomitanti. In particolare, sono disponibili in letteratura veterinaria informazioni limitate sul ruolo delle infezioni da mycoplasma e chlamydia nei pitoni.

Nel presente studio sono stati valutati i campioni diagnostici (prevalentemente tamponi orali) di 271 pitoni, di generi diversi, inviati presso un singolo laboratorio per il rilevamento di serpentoviruses. I campioni sono stati sottoposti a screening mediante PCR per il rilevamento di mycoplasma e chlamydia.

Pagina 4 di 15

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares