Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7128 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

   Note tecniche

Questo archivio bibliografico contiene tutti i lavori scientifici pubblicati dal 1987 dalle riviste edite da SCIVAC prima e da EV srl poi, e lavori reperiti nella letteratura internazionale a partire dal 2001 in avanti. Per tutti i lavori è disponibile l'abstract, mentre per quelli italiani è disponibile anche il PDF originale (dal 1995).
La parola digitata nel campo [parola chiave] viene cercata in
[autori]
[titolo]
[abstract]
[parole chiavi]
Agendo sugli altri operatori (data, specie animale, rivista) si può rendere la ricerca più rapida e mirata.

  Riviste Italiane Indicizzate

Cinologia
Collana di Radiologia Clinica Ippologia
Large Animals Review
Medicina Felina
Notiziario Farmaceutico
Professione Veterinaria
Quaderni di Dermatologia
SISCA Observer
Veterinaria.


Totale Riviste pubblicate : 4804. Questa pagina mostra gli ultimi lavori inseriti.

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 362

Lunedì, 27 Luglio 2020

C.Iscaro et al

Vota questo articolo
(0 Voti)

Identificazione e caratterizzazione molecolareIdentificazione e caratterizzazione molecolaredi Atypical Porcine Pestivirus (APPV)nel centro Italia

  • Riferimento: Large Animal Review 2019; 25: 225-229
  • Abstract: Scoperto per la prima volta in USA nel 2015, APPV (Atypical Porcine Pestivirus) o Pestivirus K è stato successivamente riscontrato anche in Europa e in Asia, sia nei suini domestici che nei cinghiali, talvolta in associazione a forme di tremore congenito (CT) dei suinetti. Questo studio riporta i risultati di una analisi virologica retrospettiva condotta allo scopo di accertare la presenza del virus nel centro Italia. Su un totale di 1665 sieri prelevati nel triennio 2016-2018 e provenienti da Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio, un solo campione è risultato positivo. Esso, denominato APPV-LA/4911/2016, deriva da un siero di un suino adulto e asintomatico proveniente da una azienda da riproduzione del Lazio, che non riporta alcuna notizia anamnestica di CT. L’analisi filogenetica delle regioni NS5B e NS3 dimostra che APPV-LA/4911/2016 clusterizza con il clade degli stipiti tedeschi, e mostra la più elevata similarità con gli stipiti ungheresi. Inoltre, limitatamente alla regione NS3, appare piuttosto simile anche ad isolati italiani precedentemente identificati, mentre è geneticamente distante dal cluster degli stipiti cinesi, a conferma della elevata variabilità genetica di APPV. Questi dati dimostrano che APPV circola in Italia almeno dal 2016, probabilmente introdotto in seguito a scambi commerciali intracomunitari di suini e/o prodotti derivati. Inoltre, la presenza del virus in suini asintomatici potrebbe essere dovuta alla sua capacità di indurre una infezione persistente, che permette il mantenimento e la diffusione della infezione. Infine, non è da sottovalutare il probabile ruolo di APPV come door-opener, in caso di co-infezione con altri agenti patogeni del suino.
  • Specie: animali da reddito
  • Anno: 2019
  • Rivista: Large Animals Review
Letto 115 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Luglio 2020

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.