Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6910 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

  Note tecniche

Questo archivio bibliografico contiene tutti i lavori scientifici pubblicati dal 1987 dalle riviste edite da SCIVAC prima e da EV srl poi, e lavori reperiti nella letteratura internazionale a partire dal 2001 in avanti. Per tutti i lavori è disponibile l'abstract, mentre per quelli italiani è disponibile anche il PDF originale (dal 1995).
La parola digitata nel campo [parola chiave] viene cercata in
[autori]
[titolo]
[abstract]
[parole chiavi]
Agendo sugli altri operatori (data, specie animale, rivista) si può rendere la ricerca più rapida e mirata.

  Riviste Italiane Indicizzate

Cinologia
Collana di Radiologia Clinica Ippologia
Large Animals Review
Medicina Felina
Notiziario Farmaceutico
Professione Veterinaria
Quaderni di Dermatologia
SISCA Observer
Veterinaria.


Totale Riviste pubblicate : 4784. Questa pagina mostra gli ultimi lavori inseriti.

Mercoledì, 29 Luglio 2020

O. Raffaele et al

Vota questo articolo
(0 Voti)

Infezione da Ovine herpesvirus tipo 2Infezione da Ovine herpesvirus tipo 2in allevamenti ovini in Umbria

  • Riferimento: Large Animal Review 2020; 26: 79-85
  • Abstract: Ovine gammaherpesvirus 2 (OvHV-2) è un gammaherpesvirus che causa un’infezione asintomatica nella pecora e una malattia sistemica molto grave in altre specie di ruminanti e nel maiale, denominata febbre catarrale maligna (FCM). Il controllo dell’infezione nella pecora risulta essere un fattore chiave nel contenimento della FCM. Inoltre non può essere escluso un ruolo di questo virus nella patologia ovina. Scopo del presente studio è stato quello di indagare la presenza di OvHV-2 negli allevamenti ovini in Umbria e di comprendere la relazione di alcuni fattori di rischio dell’infezione individuati negli allevamenti controllati. Sono stati analizzati, tramite nested PCR, 50 tamponi nasali prelevati rispettivamente da 39 pecore e da 11 capre, provenienti da 9 diverse aziende, per ricercare la presenza del DNA di OvHV-2. La specie, l’età, l’attitudine produttiva, la promiscuità con specie diverse (bovini e/o capre) e l’effetto del singolo allevamento sono stati valutati come possibili fattori di rischio dell’infezione mediante analisi statistica univariabile e multivariabile. Ventinove su 39 (74,4%) pecore e 3 su 11 (27,3%) capre sono risultate positive. I fattori di rischio presi in considerazione si sono dimostrati significativi nell’analisi univariabile, ma solo l’effetto dell’allevamento è rimasto statisticamente significativo nell’analisi multivariabile. Probabilmente il singolo allevamento contiene al suo interno altre variabili in grado di spiegare una modificazione nella prevalenza dell’infezione da OvHV-2. In futuro dovranno essere esaminati altri fattori tipici di ciascun allevamento al fine di comprendere meglio l’epidemiologia dell’infezione.
  • Specie: animali da reddito
  • Anno: 2020
  • Rivista: Large Animals Review
Letto 6 volte Ultima modifica il Mercoledì, 29 Luglio 2020

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.